26 Settembre 2023

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

Codice della Privacy e gestione del rapporto di lavoro

Il D.Lgs. 101/2018, di adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni europee in materia di privacy, è entrato in vigore lo scorso 19 settembre.

La nuova normativa ha dei riflessi anche sulla gestione del rapporto di lavoro; in particolare è stata individuata tutta una serie di dati che, per la loro elevata sensibilità, non possono essere trattati dal datore di lavoro. Tra questi rientrano, a titolo esemplificativo, le informazioni in materia di convinzioni religiose, appartenenza sindacale e salute.

Le suddette informazioni possono essere trattate solo in presenza di un interesse pubblico rilevante.

Possono continuare ad essere utilizzati, nel rispetto delle regole in materia di protezione dei dati personali, i dati biometrici e i dati relativi alle condanne penali e ai reati quando a richiederlo è, però, una specifica norma di legge.

È stata prevista, inoltre, la promozione da parte del Garante di specifiche regole deontologiche per i soggetti pubblici e privati che, nell’ambito di un rapporto di lavoro, entrano in contatto con specifici dati personali.

In Primo Piano

Continua a leggere

No alla videosorveglianza senza accordi presi prima

Il garante della privacy nella newsletter del 26 maggio del 2023 n. 503 è tornata sulla disciplina del controllo a distanza dei lavoratori e in particolare la mancata stipulazione di un accordo tra sindacati ed impresa e/o con ITL competente.

Decreto trasparenza: precisazioni sugli obblighi di informazione dei sistemi di monitoraggio

Decreto trasparenza: precisazioni sugli obblighi di informazione dei sistemi di monitoraggio. Il Garante della privacy, in data 24 gennaio 2023, ha fornito alcuni rilievi sugli obblighi informativi a carico dei datori di lavoro previsti da decreto Trasparenza d.lgs. n. 104 del 2022, inerentemente all’adozione dei sistemi di automatizzazione dei sistemi di monitoraggio e decisionali.

Sospensione della micro impresa per violazione della normativa sulla sicurezza

Sospensione della micro impresa per violazione della normativa sulla sicurezza. L’INL con la nota n. 162 del 24 gennaio 2023 ritorna sulle sanzioni da applicare alle microimprese nel caso di violazione dell’art 14 del TUSL.