25 Febbraio 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

INPS: ticket licenziamento nell’ambito della procedura collettiva – novità

Con il messaggio n. 594 dell’8 febbraio 2018, l’Inps comunica l’incremento del contributo per l’interruzione dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato nell’ambito di procedure di licenziamento collettivo, da parte di datori di lavoro tenuti al versamento della contribuzione di finanziamento dell’integrazione salariale straordinaria ex articolo 23 del d.lgs. n. 148/2015.

Per i licenziamenti effettuati a far tempo dal 1° gennaio 2018 nell’ambito di una procedura di licenziamento collettivo, i datori di lavoro sopra indicati sono tenuti a versare il contributo ex articolo 2, comma 31, della legge n. 92/2012 che, per effetto della novella legislativa, è costituito da una somma pari all’82 per cento del massimale mensile NASpI per ogni dodici mesi di anzianità aziendale negli ultimi tre anni.

Tenuto conto che, per l’anno 2018, il massimale mensile NASpI è di € 1.208,15, per ogni dodici mesi di anzianità aziendale, la contribuzione da versare è pari a € 990,68 (€ 1208,15 x 82%). Per i lavoratori con anzianità pari o superiore a 36 mesi il contributo è pari a € 2.972,04 (990,68 x 3).

Come già chiarito con circolare n. 44/2013, per i lavoratori con anzianità aziendale diversa da 12, 24 o 36 mesi, il contributo deve essere rideterminato in proporzione al numero dei mesi di durata del rapporto di lavoro.

Fonte: Inps

In Primo Piano

Continua a leggere

Inps: chiarimenti in relazione al ticket di licenziamento

Inps: chiarimenti in relazione al ticket di licenziamento. Con circolare n. 137/2021 vengono forniti dall’Inps alcuni chiarimenti in merito alla determinazione della contribuzione dovuta in applicazione dell’obbligo di versamento del c.d. ticket di licenziamento, introdotto dall’articolo 2, commi da 31 a 35, della legge n. 92/2012.

Interpretazione elastica dei carichi di famiglia in caso di licenziamento collettivo

Interpretazione elastica dei carichi di famiglia in caso di licenziamento collettivo. La Corte di Cassazione, con la sentenza n.10996 del 26 aprile 2021, si è pronunciata in merito al caso di un dipendente rientrante nella disciplina del licenziamento collettivo, separato e tenuto a corrispondere un assegno mensile per il mantenimento della figlia minore.

Sentenza Corte UE: licenziamenti e Jobs Act

Sentenza Corte UE: licenziamenti e Jobs Act. La Corte di Giustizia Europea, con la causa n. C-652/19, si è pronunciata in merito al licenziamento considerato illegittimo di un lavoratore il cui rapporto a termine è stato convertito in contratto a tempo indeterminato dopo il 7 marzo 2015.