4 Marzo 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

Inps: benefici l. 191/2009 – aziende ammesse per le assunzioni effettuate nel 2012

L’Inps, con il messaggio n. 5337/2015, informa che sono terminate le attività istruttorie e di verifica delle domande relative agli incentivi all’occupazione previsti dalla l. 191/2009 per l’anno 2010 (ed in seguito prorogati fino al 2012), per l’assunzione di lavoratori:

  1. disoccupati con almeno 50 anni, titolari di indennità di disoccupazione non agricola con requisiti normali (comma 134, 1° periodo, della disposizione citata);
  2. che abbiano almeno 35 anni di anzianità contributiva, per i quali siano scaduti determinati incentivi connessi alla condizione di disoccupato del lavoratore (comma 134, 2° periodo);
  3. disoccupati di qualunque età, titolari di indennità di disoccupazione ordinaria o del trattamento speciale di disoccupazione edile (comma 151).

L’Istituto specifica che le aziende ammesse agli incentivi potranno consultare la comunicazione di accoglimento accedendo al sito www.inps.it, mediante l’applicazione “DiResCo – Dichiarazioni di responsabilità del contribuente”, che è stata utilizzata per inviare la richiesta del beneficio; le comunicazioni relative al beneficio previsto dal comma 151 contengono in allegato il prospetto di fruizione dell’incentivo.

Inoltre, alle aziende in questione sono stati automaticamente attribuiti i codici di autorizzazione previsti dalla citata circolare 22/2011, in relazione ai tre diversi incentivi.

Per gli incentivi all’assunzione di disoccupati con almeno 50 anni (comma 134, 1° periodo, della disposizione citata), è stato attribuito il codice di autorizzazione 0G (ZERO G).

Per gli incentivi al mantenimento in servizio di lavoratori con almeno 35 anni di anzianità contributiva (comma 134, 2° periodo), è stato attribuito il codice di autorizzazione 0U (ZERO U).

Per gli incentivi all’assunzione di disoccupati titolari di indennità di disoccupazione (comma 151), è stato attribuito il codice di autorizzazione 0W (ZERO W).

Per le operazioni di conguaglio i datori di lavoro utilizzeranno i codici UniEmens illustrati nelle comunicazioni di accoglimento.

I citati conguagli dovranno essere effettuati entro tre mesi ad iniziare dalla denuncia contributiva relativa al mese di luglio 2015.

Fonte: Inps

In Primo Piano

Continua a leggere

Osservatorio sul precariato: i dati di gennaio 2023

L’INPS, in data 20 aprile 2023, ha reso nota la pubblicazione dell’Osservatorio sul precariato con i dati relativi al mese di gennaio 2023.

Contratto di espansione e incentivi all’occupazione per le assunzioni

Con il messaggio 1450/2023, L’INPS fornisce un importante chiarimento, affermando come anche per le assunzioni effettuate dal datore di lavoro in attuazione di un contratto di espansione, possono essere applicate le agevolazioni esistenti, anche se tali assunzioni sono realizzate in esecuzione di un contratto di espansione con in corso la cassa integrazione.

Istat: occupati e disoccupati gennaio 2023

L’ISTAT, con un comunicato stampa pubblicato in data 2 marzo 2023, ha reso noti i dati relativi all’occupazione in Italia nel mese di gennaio 2023. Secondo quanto diffuso dall'Istat a gennaio 2023, rispetto al mese precedente, sono aumentati gli occupati e i disoccupati, mentre sono diminuiti gli inattivi.