23 Maggio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Controllare mail è illecito, Cassazione su un caso di licenziamento

Controllare mail è illecito, Cassazione su un caso di licenziamento. La Corte di Cassazione, con l’ordinanza 18168 del 2023, ha confermato le sentenze di illegittimità del licenziamento per controllo illecito della mail aziendale e a seguito di un’attività di pedinamento.

La questione in oggetto nello specifico tratta di un dirigente licenziato dopo tre contestazioni disciplinari con le quali, nel 2018, gli era stata addebitata “una condotta di insubordinazione e di violazione dei doveri di diligenza e fedeltà nonché dei generali principi di correttezza e buona fede per avere intrattenuto rapporti e contatti con soggetti riferibili a realtà imprenditoriali in concorrenza e per essersi sottratto ad un accertamento tecnico preventivo, facendo così dubitare della genuinità della malattia posta a fondamento delle assenze”.

A monte del licenziamento, quindi, un controllo generalizzato di tutte le comunicazioni sul pc del dirigente e una pratica massiccia di digital forensics e  pedinamento.

La Corte di Cassazione ha sottolineato il mancato rispetto da parte  dell’azienda della disciplina dell’art. 8 della CEDU e della normativa interna, non avendo comunicato né tale attività né il campo operativo della sorveglianza.

In questi casi il “dante causa” ha l’onere della prova della proporzionalità di azioni e motivazioni che comportano un controllo simile.

Elementi, questi, mai prodotti dall’azienda in giudizio e motivo di condanna da parte della Cassazione che ha così ritenuto di confermare le sentenze dei gradi precedenti. L’azienda è stata condannata al pagamento delle spese liquidate in euro 10.000,00.

In Primo Piano

Continua a leggere

Nullo il licenziamento disciplinare se non viene ascoltato il dipendente

Deciso dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 2859 del 31 gennaio scorso. È nullo il licenziamento di un dipendente a cui è stato negato il diritto di replica  per violazione delle procedure previste dalla legge.  Il datore di lavoro,...

Negligenza dei comportamenti legittima il licenziamento 

In malattia di giorno e al lavoro di sera. La Cassazione conferma il licenziamento. Con l’ordinanza n. 1472 del 15 gennaio scorso la Corte di Cassazione si è espressa sul caso di licenziamento di una lavoratrice dal doppio comportamento:...

Cassazione: accertamenti del danno rilevanti per validità ricorso 

Con ordinanza n. 2261 del 23 gennaio scorso, la Corte di Cassazione si è espressa sulla richiesta di danni avanzata da un vigile urbano per mancata fornitura della divisa. L'agente, in servizio presso la polizia municipale del comune di...