23 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Sanzioni Certificazione Unica: introdotti i massimali e la nuova sanzione per invio entro 60 giorni

Con l’art. 21 del Dlgs 158/2015, il Legislatore ha introdotto due innovazioni al sistema sanzionatorio in tema di Certificazione Unica.

La prima novità riguarda la sanzione prevista per ogni certificazione omessa, tardiva o errata, stabilita nella misura di 100 euro (art. 4 comma 6-quinquies del DPR 322/1998). Nello specifico, l’importo della suddetta sanzione non potrà essere complessivamente superiore a euro 50.000,00.

Ulteriore innovazione è data dall’introduzione di una riduzione delle sanzioni a un terzo, con un tetto massimo di euro 20.000,00, in caso di trasmissione della certificazione in ritardo entro 60 giorni dalla scadenza.

Pertanto nel caso in cui alla data del 7 marzo, il sostituto di imposta si trovasse a trasmettere una certificazione entro il sessantesimo giorno dalla scadenza, sarà passibile di una sanzione pari a 33,33 euro per ogni certificazione inviata in ritardo, fino a un massimo complessivo di euro 20.000,00.

Per gli altri decreti attuativi della delega fiscale clicca qui>>

In Primo Piano

Continua a leggere

Certificazione Unica 2024, vanno inserite le informazioni

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito le modalità di compilazione della Certificazione Unica 2024  con la risoluzione n. 55/E del 3 ottobre 2023. In particolare nella sezione “Dati relativi al coniuge e ai familiari a carico” il campo va compilato anche...

CU 2023: modalità di rilascio dell’INPS

Il provvedimento direttoriale dell’Agenzia delle Entrate n. 14392 del 2023 ha stabilito che la Certificazione Unica deve essere trasmessa entro il 16 marzo 2023 compilando il modello approvato.

CU 2023: approvato il modello. Le novità per la compilazione

Il nuovo modello di Certificazione Unica è stato approvato con il provvedimento del 17 gennaio 2023  dall’Agenzia delle Entrate ed è disponibile sul sito istituzionale.