23 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Cassazione: imprenditore che effettua contestazione disciplinare non può attendere prove certe

Con sentenza n. 25021 del 23 ottobre 2017, la Corte di Cassazione ha stabilito che l’imprenditore non può attendere di avere prove certe per effettuare una contestazione disciplinare.

Difatti, la Suprema Corte ha affermato che, al fine di non pregiudicare il diritto di difesa del lavoratore, la contestazione disciplinare da parte del datore di lavoro deve avvenire nel momento in cui quest’ultimo abbia elementi tali da far ritenere “ragionevolmente sussistenti le infrazioni” e non posticipare tale contestazione fino al raggiungimento di “assoluta certezza dei fatti”.

Fonte: Corte di Cassazione

In Primo Piano

Continua a leggere

La morte fake di Noam Chomsky

È partita dal social X per diffondersi, inesorabile e virale. La morte fake dell’intellettuale americano Noam Chomsky in poche ore ha fatto il giro del mondo.  La fake diffusa attraverso necrologi online e testate giornalistiche. Poi tutti  impietriti per l’imbarazzo...

Il recesso dell’apprendista: evoluzione normativa e nuovi sviluppi giurisprudenziali 

Il tema del recesso dal contratto di apprendistato, nel corso tempo, è stato ampiamente dibattuto sia tra gli interessati che tra gli addetti ai lavori. Prima del 2015, infatti, poiché il d.lgs. n. 167 del 2011, all’art. 2, comma 1,...

Web scraping, una questione personale

Come difendersi dalle reti, da chi raccoglie e usa i nostri dati personali dal web scraping? Le istruzioni arrivano dal Garante per la Privacy. La nota ufficiale è stata pubblicata in Gazzetta. I dati della persona e quelli di navigazione...