24 Maggio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Società sportive professionistiche: incentivi

Società sportive professionistiche: incentivi. Come noto, la legge 205 del 27 dicembre 2017, ha previsto per le “società appartenenti alla Lega calcio professionistico che ne fanno richiesta” la concessione a domanda di un contributo economico annuo per l’assunzione di giovani atleti e preparatori atletici.

L’INPS con Il messaggio n. 2101 del 3 giugno 2019, individua le caratteristiche che devono avere i tesserati sportivi per fruire dell’agevolazione in commento.

Nello specifico, in favore delle società appartenenti alla Lega calcio professionistico, è istituita un’agevolazione fruibile a domanda consistente nella destinazione:

  • Di “un contributo annuo in forma capitaria stabilito in 5.000 euro e di un contributo annuo pari al 50% della retribuzione minima pattuita per ogni giovane di serie in addestramento tecnico e per ogni giovane professionista di età inferiore ai 21 anni”;
  • un contributo annuo pari al 30% dei contributi previdenziali di competenza per ogni preparatore atletico”.

Sul piano operativo, viste le disposizioni del Decreto Presidenza del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M), “il riconoscimento delle agevolazioni presuppone un’attività istruttoria finalizzata all’accertamento dei requisiti di legge svolta dalla Lega Pro” che sottoporrà poi il risultato al vaglio della Federazione Italiana Giuco Calcio (FIGC).

Le disposizioni in commento ha comportato la cessazione “delle agevolazioni contributive precedentemente stabilite dall’articolo 145, comma 13, della legge 23 dicembre 2000, n. 388”. Di conseguenza, per i periodi successivi al 31/12/2017 “è cessata la validità dei codici “L2”, “L3”, “L4”, “L5”, “L6”, “L7”, “L8” e “L9” (…) nonché il codice causale “L701” dell’elemento <CausaleACredito>”.

Società sportive professionistiche: incentivi

In Primo Piano

Continua a leggere

Fringe benefit e stock option: entro il 21 febbraio la trasmissione dei dati relativi al personale cessato  

L’articolo 40 del Decreto Lavoro (D.L. n. 48/2023) convertito nella legge n. 83/2023, ha elevato, per il solo periodo d’imposta 2023, da 258,23 euro a 3.000 euro il limite di esenzione previsto per i beni ceduti e i servizi...

Congedo straordinario: computo delle mensilità aggiuntive   

A seguito delle richieste di chiarimenti pervenute all’Inps, con il messaggio n. 30 del 4 gennaio 2024, l’Istituto comunica le modalità di computo del rateo della tredicesima e della quattordicesima mensilità ai fini del calcolo dell’indennità per il congedo...

Sgravio contributivo per contratti di solidarietà 

L’Inps rende note le imprese ammesse alla fruizione dello sgravio contributivo per i contratti di solidarietà