16 Aprile 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Prestazioni a sostegno del reddito: comunicazione iban

Con il messaggio n. 1652 del 14 aprile 2016, l’Inps fornisce le istruzioni relative alle nuove modalità di comunicazione del codice iban, operative dalla data di pubblicazione del messaggio in commento, in caso di accredito, delle prestazioni a sostegno del reddito su c/c bancari o postali, libretti postali e carte prepagate.

Nello specifico, è stato predisposto un nuovo modulo da utilizzare:

  • nel caso di una nuova domanda di prestazione a sostegno del reddito;
  • oppure, nel caso di prestazione già in corso di pagamento, al fine di segnalare eventuali variazioni delle modalità di pagamento (da sportello dell’Ufficio postale ad accredito) o del codice iban.

Sul sito dell’istituto, nella sezione modulistica, è disponibile il modello SR163 “Richiesta di pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito”  il richiedente dovrà specificare la modalità di pagamento e, nel caso di accredito, anche i dati di riferimento dell’Agenzia o Filiale dell’Istituto di credito (Banca/Posta) che effettua il pagamento, nonché il codice IBAN con data, timbro e firma del funzionario del competente Ufficio postale o della Banca.

L’Istituto specifica che nel caso di conti correnti “virtuali” o carte prepagate è sufficiente inviare il documento rilasciato on line dalla procedura di collegamento al conto nel quale appare l’intestazione.

L’utente dovrà inviare il modello tramite la specifica funzionalità dei servizi online o tramite pec alla sede competente in caso di impedimenti tecnici.

In caso di prestazione già liquidata ed in corso di pagamento si potrà richiedere la variazione solo tramite posta elettronica.

Fonte: Inps

In Primo Piano

Continua a leggere

Reddito di emergenza: al via domande dal 1° luglio

Reddito di emergenza: al via domande dal 1° luglio.l’INPS fornisce indicazioni riguardando la presentazione delle domande relative al Reddito

Assegno unico per i figli: al via da luglio 2021

Assegno unico per i figli: al via da luglio 2021. Il Consiglio dei Ministri nella seduta del 4 giugno 2021 ha approvato, in relazione al tema

Fondo di solidarietà bilaterale per le attività professionali – chiarimenti

Fondo di solidarietà bilaterale per le attività professionali – chiarimenti.l’Inps, fornisce chiarimenti in relazione alla disciplina del Fondo