23 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Indennità di paternità per gli autonomi: le istruzioni operative

Con la circolare n. 128 dell’11 luglio 2016, l’Inps fornisce le istruzioni operative relative alle novità legislative introdotte dal Decreto legislativo 148/2015 in favore dei lavoratori autonomi, per i quali è stata introdotta sia una indennità di paternità e prevedendo sia maggiore tutela in caso di adozione o affidamento.

Per lavoratore padre autonomo si intende quello appartenente ad una delle categorie di cui al capo XI del T.U. maternità/paternità (art. 66 T.U.):

– artigiano

– commerciante

– coltivatore diretto, colono, mezzadro, imprenditore agricolo a titolo

– principale pescatore autonomo della piccola pesca marittima e delle acque interne.

Il diritto, come precisa l’istituto, sorge qualora il padre rimanga l’unico genitore a causa di morte o grave infermità della madre, abbandono del figlio o affidamento esclusivo al padre.

L’Indennità, pari all’80% di un importo giornaliero individuato a seconda dell’attività autonoma svolta, spetta a condizione che il lavoratore abbia provveduto ad iscriversi nei termini alla relativa gestione previdenziale di competenza e che sia in regola con la contribuzione.

Al momento, è possibile presentare la domanda solo compilando il modello cartaceo SR01 ed inoltrandolo all’INPS di competenza tramite Posta Elettronica Certificata, raccomandata A/R o recandosi di persona in sede.

Entro settembre dovrebbe essere disponibile una nuova procedura per l’invio telematico.

E’ previsto, per le lavoratrici autonome, il diritto all’indennità anche in caso di adozione o affidamento per un periodo di 5 mesi secondo le stesse modalità per le lavoratrici dipendenti.

Fonte: Inps

In Primo Piano

Continua a leggere

Bonus 200€ professionisti

Bonus 200€ professionisti. Il decreto aiuti, con l’art. 33 del D.L. n. 50/2022, ha costituito un fondo di 600 milioni di euro al fine di finanziare misure economiche volte a far fronte all' inflazione. In questo fondo, 95,6 milioni...

Lavoratori autonomi occasionali: doppio canale comunicativo e controlli ispettivi

Lavoratori autonomi occasionali: doppio canale comunicativo e controlli ispettivi. L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la nota n. 881 del 22 aprile 2022,  comunica la possibilità di adempiere all’obbligo di comunicazione preventiva dei rapporti di lavoro autonomo occasionale tramite e-mail presso l’Ispettorato territoriale competente anche dopo il 30 aprile 2022.

Modalità comunicazione lavoratori autonomi occasionali

Modalita’ comunicazione lavoratori autonomi occasionali. L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) con la nota n. 573 del 28 marzo 2022