25 Febbraio 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

Il concetto di immediatezza della contestazione nel licenziamento per giusta causa

Il concetto di immediatezza della contestazione nel licenziamento per giusta causa. A parere della Corte di Cassazione (con sentenza n. 23332 del 24 Agosto 2021), nel licenziamento per giusta causa, il principio di immediatezza della contestazione non deve essere inteso in senso assoluto.

 In tal modo, infatti, si rischierebbe di ostacolare il corretto e puntuale accertamento dei fatti e delle vicende più complesse, che potrebbero necessitare di maggiore tempo per la loro valutazione.

All’interesse del  lavoratore, a conoscere gli addebiti con tempestività, viene equiparato quello del  datore di lavoro  che non può essere gravato dell’onere di contestarli sino a che gli stessi non appaiano «ragionevolmente sussistenti», ovverosia sino a quando non ne abbia acquisito una «compiuta e meditata conoscenza».

 Una considerazione relativa del concetto di immediatezza della contestazione non può, però, prescindere da un’adeguata enunciazione delle ragioni che giustificano il ritardo.

In particolare, ritiene la Suprema Corte, il ritardo della contestazione è giustificato nel caso in cui il lavoratore abbia commesso una serie di fatti che siano idonei a rappresentare un’unica condotta disciplinarmente rilevante e che, di conseguenza, debbano essere valutati attentamente nel loro complesso in maniera unitaria dal datore di lavoro.

Il concetto di immediatezza della contestazione nel licenziamento per giusta causa

In Primo Piano

Continua a leggere

Hashtag #Layoffs, nuova frontiera del licenziamento 

Nell’era dello smartworking, anche la fine di un rapporto di lavoro può avvenire a distanza. Trattandosi di una fase delicata del rapporto, nessuno penserebbe mai di registrarne il contenuto. O quasi. #LayOffs, l'hashtag che spopola in America È quello che sta...

Diritto alla Naspi può venire meno

Diritto alla Naspi può venire meno. Lo ha deciso la Corte di Cassazione. La percezione della Naspi decade se non vengono resi noti gli altri eventuali rapporti autonomi in essere.  La Corte di Cassazione con l’ordinanza 846 del 9 gennaio scorso...

La Cassazione decide sui casi di licenziamento

Decisa la reintegra di un dipendente licenziato uscito in permesso dal posto di lavoro e sorpreso al mercato con l'auto aziendale. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 34107 - 2023. Questione di fatto Operaio forestale addetto agli...