14 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Il sospetto di un illecito non autorizza il controllo delle mail

Il sospetto di un illecito non autorizza il controllo delle mail. Bisogna rispettare le norme.

Sentenza del 14 febbraio del Tribunale del Lavoro di Roma dichiara illegittimo un licenziamento formalizzato in violazione dell’articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori. Infatti, a seguito di procedimento disciplinare, il dipendente era stato licenziato per giusta causa per aver denigrato i ruoli di governance aziendale e posto in essere condotte contrarie alle finalità perseguite dalla società datrice di lavoro.

Il giudice, a seguito di ricorso del dirigente, ha accolto la domanda giudiziale volta all’annullamento del licenziamento intimato a fronte di un illegittimo accesso alla posta elettronica effettuato in assenza di un “fondato sospetto” circa la colpevolezza del lavoratore.

Inoltre, ha sostenuto il giudice, i controlli diretti al lavoratore devono essere preventivamente autorizzati. 

Il sospetto di un illecito non autorizza il controllo delle mail.

In Primo Piano

Continua a leggere

Nullo il licenziamento disciplinare se non viene ascoltato il dipendente

Deciso dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 2859 del 31 gennaio scorso. È nullo il licenziamento di un dipendente a cui è stato negato il diritto di replica  per violazione delle procedure previste dalla legge.  Il datore di lavoro,...

Negligenza dei comportamenti legittima il licenziamento 

In malattia di giorno e al lavoro di sera. La Cassazione conferma il licenziamento. Con l’ordinanza n. 1472 del 15 gennaio scorso la Corte di Cassazione si è espressa sul caso di licenziamento di una lavoratrice dal doppio comportamento:...

Hashtag #Layoffs, social media e licenziamento 

Nell’era dello smartworking, anche la fine di un rapporto di lavoro può avvenire a distanza. Trattandosi di una fase delicata del rapporto, nessuno penserebbe mai di registrarne il contenuto. O quasi. #LayOffs, l'hashtag che spopola in America È quello che sta...