17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Gestione ex ENPALS: Osservatorio sulle pensioni e sui lavoratori

Gestione ex ENPALS: Osservatorio sulle pensioni e sui lavoratori. Dati riguardanti l’Osservatorio sulle pensioni e sui lavoratori della gestione ex-Enpals

In data 29 maggio 2019, l’Inps ha pubblicato i dati riguardanti l’Osservatorio sulle pensioni e sui lavoratori della gestione ex-Enpals.

Statistiche pensioni – Gestione ex-Enpals

Le pensioni vigenti all’01/01/2019 sono 58.316 di cui 55.768 a carico del fondo dei lavoratori dello spettacolo e 2.548 del fondo degli sportivi professionisti. L’importo complessivo annuo in pagamento risulta pari a 977,6 milioni di euro di cui il 93,4% (913,5 milioni di euro) in carico al fondo dei lavoratori dello spettacolo e il 6,6% in carico al fondo degli sportivi professionisti.

Rispetto all’anno precedente si è assistito ad un complessivo incremento del numero delle pensioni e degli importi annui in pagamento ad inizio anno con una netta differenziazione per gestione. Infatti mentre la gestione dei lavoratori dello spettacolo ha visto salire il numero delle prestazioni e dell’importo complessivo annuo rispettivamente dello 0,2% e dello 2,3%, la gestione degli sportivi ha fatto registrare un incremento numerico delle pensioni del 7,2% e un incremento dell’importo complessivo annuo in pagamento del 8,6%.

Per quanto riguarda la distribuzione per categoria, il 68,7% delle prestazioni sono pensioni di vecchiaia, il 27,4% pensioni ai superstiti e il restante 3,9% pensioni di invalidità.

L’importo complessivo annuo si distribuisce per il 80,3% alle pensioni di vecchiaia, per il 2,8% a quelle di invalidità e per il 16,9% a quelle ai superstiti.

Statistiche lavoratori – Gestione ex-Enpals

Nel 2018 il numero di lavoratori dello spettacolo con almeno una giornata retribuita nell’anno è risultato pari a 324.614, con una retribuzione media annua di 10.524 euro e un numero medio annuo di 100 giornate retribuite.

Il gruppo professionale più numeroso è quello degli attori (25,2%), seguito dai gruppi dei lavoratori degli impianti e circoli sportivi (11,1%), degli impiegati (11%), dei concertisti e orchestrali (9,7%). Analizzando la struttura per classi di età emerge che, nel 2018, la classe di età modale è quella tra i 25 e i 29 anni con 45.806 lavoratori (il 14,1% del totale). I lavoratori uomini rappresentano il 57,6% della collettività considerata.

La retribuzione media annua nel 2018, pari a 10.524 euro, risulta molto differenziata sia per età, sia per genere. In particolare aumenta al crescere dell’età, almeno fino alla classe 55–59, ed è costantemente più alta per gli uomini (11.672 euro contro 8.968 euro per le donne).

Gli sportivi professionisti con almeno un contributo versato nel 2018 sono 7.763, il 92% dei lavoratori è costituito dagli appartenenti alla Federazione Calcio. Nel 2018 si registra un incremento del 3,8% del numero dei lavoratori rispetto all’anno precedente. Più della metà degli sportivi professionisti lavora al Nord (52,1%).

Il 55,9% degli sportivi è costituito da atleti, il restante 44,1% da allenatori, direttori tecnico-sportivi e preparatori atletici.

Nel 2018, la classe di retribuzione modale dei lavoratori sportivi professionisti è quella tra i 10.000 e fino a 50.000 euro con il 42,4%. Alla classe di retribuzione oltre i 700.000 euro appartengono perlopiù gli sportivi professionisti della Federazione Calcio e si tratta in prevalenza di atleti (87,1%).

Gestione ex ENPALS: Osservatorio sulle pensioni e sui lavoratori

Fonte: INPS

In Primo Piano

Continua a leggere

Pensioni: quota 103, bonus per rimanere al lavoro

Incentivo economico per chi, potendo utilizzare Quota 103, sceglie di non andare in pensione. Il lavoratore che sceglierà questa soluzione potrà, dunque, ottenere in busta paga i contributi previdenziali a suo carico. Arrivano dall’Inps le indicazioni per accedere al bonus previsto per il posticipo...

Monitoraggio flussi di pensionamento 2022 e primo trimestre 2023 

Monitoraggio flussi di pensionamento 2022 e primo trimestre 2023 

Inps, i dati sulle pensioni

Calano di un terzo le pensioni anticipate nel settore privato