19 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Esonero assunzione disabili: autocertificazione e contributo

Il Ministero del Lavoro di concerto con quello delle Finanze, ha pubblicato il decreto 10 marzo 2016 con il quale sono stabilite le modalità di esercizio dell diritto all’esonero dagli obblighi di cui all’articolo 3 della Legge 68/99 (assunzione disabili) per le aziende che impiegano personale in attività ad alto rischio.

I suddetti datori di lavoro, per fruire dell’esonero devono presentare apposita autocertificazione (vedasi il modello allegato al decreto) in via telematica entro 60 giorni dall’insorgenza dell’obbligo di assunzione, tramite la Banca dati del collocamento mirato. In sede di prima applicazione l’autocertificazione deve essere presentata entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto in commento.

Il contributo va versato, tramite bonifico bancario, con cadenza trimestrale ed è pari a 2.022,24 euro a trimestre per ciascuna assunzione esonerata. La prima rata deve essere versata nei cinque giorni precedenti l’autocertificazione ed in seguito il datore di lavoro dovrà effettuare il pagamento entro il giorno 10 del mese successivo al termine del trimestre già coperto.

Fonte: Ministero del Lavoro

 

 

 

In Primo Piano

Continua a leggere

Esonero ‘under 36’ e datori di lavoro

Le istruzioni per i datori che si trovano nella condizione di poter fruire delle agevolazioni 'under 36'. L’Inps, con il messaggio n. 4618 del 21 dicembre scorso ha descritto le modalità di esposizione nel flusso Uniemens dell’esonero 'under 36' a...

Incentivi Occupazione giovanile Under 30 e Under 36, precisazioni

Indicazioni dall’Inps ai datori di lavoro circa l’applicabilità dell’esonero per l’occupazione giovanile a seguito di riqualificazione di un precedente rapporto di lavoro con contratto a tempo indeterminato. Con il messaggio n. 4178 del 24/11/2023, l’Istituto ha specificato che gli esoneri...

Licenziamento del disabile per superamento del comporto

Licenziamento del disabile per superamento del comporto. Con la sentenza del Tribunale di Parma 9 gennaio 2023, n. 1 decide sulla computabilità o meno nel periodo di comporto delle assenze per malattia rapportabili all'invalidità del lavoratore.