19 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Corte di Cassazione: lavoratrice madre e licenziamento discriminatorio

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 15435 del 26 luglio 2016, ha dichiarato discriminatorio il licenziamento della lavoratrice madre che rifiuta il trasferimento a 150 km di distanza, subito dopo la fine del periodo tutelato (un anno di vita del bambino).

I Giudici della Corte, nella sentenza in commento, ricordano che la previsione di elementi di fatto, idonei a fondare la presunzione di esistenza di atti patti o comportamenti discriminatori possono essere tratti anche da dati statistici, in un ottica di affiancamento agli elementi fattuali connotanti la fattispecie e non, quindi, in sostituzione degli stessi.

Nel caso in cui, grazie ai suddetti elementi, la condotta del datore di lavoro dovesse risultare discriminatoria, spetta a quest’ultimo fornire la prova contraria.

Fonte: Corte di Cassazione

 

 

In Primo Piano

Continua a leggere

Il sospetto di un illecito non autorizza il controllo delle mail

Il sospetto di un illecito non autorizza il controllo delle mail. Bisogna rispettare le norme. Sentenza del 14 febbraio del Tribunale del Lavoro di Roma dichiara illegittimo un licenziamento formalizzato in violazione dell’articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori. Infatti,...

Nullo il licenziamento disciplinare se non viene ascoltato il dipendente

Deciso dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 2859 del 31 gennaio scorso. È nullo il licenziamento di un dipendente a cui è stato negato il diritto di replica  per violazione delle procedure previste dalla legge.  Il datore di lavoro,...

Negligenza dei comportamenti legittima il licenziamento 

In malattia di giorno e al lavoro di sera. La Cassazione conferma il licenziamento. Con l’ordinanza n. 1472 del 15 gennaio scorso la Corte di Cassazione si è espressa sul caso di licenziamento di una lavoratrice dal doppio comportamento:...