22 Febbraio 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

Corte di Cassazione: lavoratrice madre e licenziamento discriminatorio

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 15435 del 26 luglio 2016, ha dichiarato discriminatorio il licenziamento della lavoratrice madre che rifiuta il trasferimento a 150 km di distanza, subito dopo la fine del periodo tutelato (un anno di vita del bambino).

I Giudici della Corte, nella sentenza in commento, ricordano che la previsione di elementi di fatto, idonei a fondare la presunzione di esistenza di atti patti o comportamenti discriminatori possono essere tratti anche da dati statistici, in un ottica di affiancamento agli elementi fattuali connotanti la fattispecie e non, quindi, in sostituzione degli stessi.

Nel caso in cui, grazie ai suddetti elementi, la condotta del datore di lavoro dovesse risultare discriminatoria, spetta a quest’ultimo fornire la prova contraria.

Fonte: Corte di Cassazione

 

 

In Primo Piano

Continua a leggere

Dimissioni volontarie durante il divieto di licenziamento

Dimissioni volontarie durante il divieto di licenziamento. Diritto alle indennità per legge

Controllare mail è illecito, Cassazione su un caso di licenziamento

La Corte di Cassazione con l’ordinanza 18168 del 2023 ha confermato le sentenze di illegittimità del licenziamento per controllo illecito della mail aziendale e a seguito di un’attività di pedinamento.

Cassazione: giacenza di raccomandata vale conoscenza di comunicazione

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 15397 del 31/05/2023 ha stabilito la validità del licenziamento formulato dal datore di lavoro con raccomandata inviata al domicilio del lavoratore e giacenza compiuta. La giacenza stessa è infatti idonea a fondare la presunzione legale di conoscenza della lettera di licenziamento contenuta.