24 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Cassazione: non è configurabile il mobbing se il lavoratore non è disponibile a svolgere compiti accessori

Con la sentenza n. 1258 del 23 gennaio 2015, la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione respinge la richiesta di risarcimento di danni per mobbing di una dipendente, in quanto quest’ultima non si rendeva disponibile allo svolgimento di compiti accessori, mostrando una condotta non collaborativa all’interno dell’azienda. È esclusa quindi la responsabilità del datore di lavoro della piccola azienda, che deve far fronte a diverse incombenze con un organico limitato.

Fonte: Corte di Cassazione

In Primo Piano

Continua a leggere

Mobbing: quando diventa persecuzione

Mobbing: la persecuzione sul luogo di lavoro

Conflittualità tra dipendenti non configura il mobbing verticale

La Corte di Cassazione, nell’ordinanza 29059 del 6 ottobre 2022, ha deciso che non si configura "mobbing" nel caso in cui vi sia un astio tra i lavoratori. Il fatto della causa è questa: la lavoratrice ricorrente al fine di...

Cassazione: screditare con sazioni disciplinari un dipendente e’ mobbing

Cassazione: screditare con sanzioni disciplinari un dipendente e’ mobbing. La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 22381 del 15.07.2022, stabilisce che si configura in mobbing l’irrogazione di provvedimenti disciplinare con il solo obiettivo di screditare il lavoratore ed è quindi dovuto il risarcimenti per i danni subiti.