24 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Cassazione: licenziamento per giusta causa e previsioni del Ccnl

Con l’ordinanza n. 6606 del 16 marzo 2018, la Corte di Cassazione ha stabilito che nella valutazione della giusta causa di licenziamento, il Giudice non deve essere vincolato dalle determinazioni del CCNL applicato.

Difatti, la Suprema Corte ha affermato che l’elencazione delle giuste cause di recesso, contenute nei CCNL, ha un carattere puramente esemplificato. Di conseguenza, il Giudice può ritenere la sussistenza della sudetta giusta causa, per un grave inadempimento o per un grave comportamento del lavoratore, pur in assenza di una specifica previsione contenuta nella contrattazione collettiva.

Fonte: Corte di Cassazione

In Primo Piano

Continua a leggere

Licenziato il malato kickboxer 

Così la Corte di Cassazione con la sentenza n. 5002 del 2024 che riprende alcuni principi in caso di Lavoro e altre attività durante la malattia già stabiliti nella giurisprudenza. Se un dipendente mentre è malato compromette la ripresa del...

Il sospetto di un illecito non autorizza il controllo delle mail

Il sospetto di un illecito non autorizza il controllo delle mail. Bisogna rispettare le norme. Sentenza del 14 febbraio del Tribunale del Lavoro di Roma dichiara illegittimo un licenziamento formalizzato in violazione dell’articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori. Infatti,...

Nullo il licenziamento disciplinare se non viene ascoltato il dipendente

Deciso dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 2859 del 31 gennaio scorso. È nullo il licenziamento di un dipendente a cui è stato negato il diritto di replica  per violazione delle procedure previste dalla legge.  Il datore di lavoro,...