23 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Cassazione: giudice territoriale competente in materia di telelavoro

Con ordinanza n. 3154 datata 8/02/2018, la Corte di Cassazione ha stabilito che, con riferimento al licenziamento del lavoratore che svolge la propria attività dalla propria abitazione, è competente il giudice del luogo dove risiede il dipendente.

Per radicare la competenza è sufficiente, infatti, che l’imprenditore disponga in quel luogo di una serie di beni organizzati per l’attività anche se i locali sono di proprietà altrui o del lavoratore stesso.

Corte di Cassazione

In Primo Piano

Continua a leggere

Il sospetto di un illecito non autorizza il controllo delle mail

Il sospetto di un illecito non autorizza il controllo delle mail. Bisogna rispettare le norme. Sentenza del 14 febbraio del Tribunale del Lavoro di Roma dichiara illegittimo un licenziamento formalizzato in violazione dell’articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori. Infatti,...

Nullo il licenziamento disciplinare se non viene ascoltato il dipendente

Deciso dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 2859 del 31 gennaio scorso. È nullo il licenziamento di un dipendente a cui è stato negato il diritto di replica  per violazione delle procedure previste dalla legge.  Il datore di lavoro,...

Negligenza dei comportamenti legittima il licenziamento 

In malattia di giorno e al lavoro di sera. La Cassazione conferma il licenziamento. Con l’ordinanza n. 1472 del 15 gennaio scorso la Corte di Cassazione si è espressa sul caso di licenziamento di una lavoratrice dal doppio comportamento:...