21 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Welfare aziendale. Ci rientra la mobilità sostenibile

Il benefit offerto da un’azienda ai dipendenti per la mobilità sostenibile non costituisce reddito da lavoro. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate nella risposta all’interpello n. 74/2024.

L’Agenzia ha specificato che i servizi offerti dal datore di lavoro per promuovere iniziative di mobilità sostenibile sono esclusi dalla formazione del reddito da lavoro dipendente se messi a disposizione della generalità o di categorie di dipendenti mediante accesso a piattaforme informatiche (APP) e se erogati esclusivamente sottoforma di beni in natura.

Secondo le norme, tra i benefit esenti e concessi dal datore di lavoro possono quindi rientrare i servizi di car-sharing, bike-sharing elettrici o i servizi di trasporto pubblico locale fruibili per il tragitto casa-lavoro. Sono servizi di utilità sociale con finalità di educazione, istruzione e assistenza sociale (art. 100, comma 1 del Tuir)  inseriti all’interno di un contratto, accordo o regolamento aziendale.

Nel caso specifico citato nell’interpello, l’azienda ha inserito i benefit dei  dipendenti all’interno del proprio Piano Welfare con un sistema di prenotazione su dispositivo informatico (APP) con addebito del pagamento interamente a carico aziendale.

Secondo l’Agenzia delle Entrate i benefit devono essere resi disponibili in favore dei dipendenti per i quali non sia già stata predisposta l’assegnazione di auto ad uso promiscuo a titolo di fringe benefit.

I Servizi di sharing vanno riconosciuti soltanto nei casi in cui “la sede di lavoro sia in luoghi che consentano il riutilizzo del mezzo di trasporto da parte di altre persone, così da garantire l’effettiva condivisione dell’uso di tali mezzi in funzione della riduzione dei costi sociali del trasporto”. 

In Primo Piano

Continua a leggere

Chiarimenti 600€ Fringe Benefit

Chiarimenti 600€ Fringe Benefit. Nell’ambito del welfare aziendale il datore di lavoro può erogare beni e/o servizi nei confronti dei lavoratori senza che questi comportino un incidenza sulla retribuzione del lavoratore. Il decreto aiuti bis Dl. n. 115 del 2022...

Welfare aziendale: limite 2022 dei fringe benefit ritorna alle “origini”

Welfare aziendale: limite 2022 dei fringe benefit ritorna alle “origini”. Tra le novità della Legge n. 234/2021, Legge di Bilancio 2022, compare anche quella relativa alla soglia di esenzione dei Fringe benefit; nonostante molti addetti ai lavori si aspettassero una proroga o ancora meglio una stabilizzazione di quanto previsto per il biennio 2020-2021, a partire dal 1° gennaio 2022 viene determinato il ritorno ai valori originali previsti dal comma 3, articolo 51 del TUIR ovvero all’ammontare di 258,23 euro su base annuale.

Proroga vigenza ccnl dirigenti – magazzini generali

Proroga vigenza ccnl dirigenti – magazzini generali. Nel merito del confronto tra le Parti per procedere con il rinnovo del CCNL per dirigenti