24 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Verbali di conciliazione impugnabili in sede sindacale: Rinunce e transazioni

Verbali di conciliazione impugnabili in sede sindacale: Rinunce e transazioni. Le rinunce e transazioni sono atti con i quali il lavoratore rinuncia a diritti, derivanti dal rapporto di lavoro, di natura derogabile. Infatti, l’articolo 2113 del codice civile afferma che “le rinunzie e le transazioni, che hanno per oggetto diritti del prestatore di lavoro derivanti da disposizioni inderogabili della legge e dei contratti o accordi collettivi concernenti i rapporti di cui all’articolo 409 del codice di procedura civile, non sono valide”.

Il tribunale di Roma, con la sentenza n. 4354 dell’8 maggio 2019, ha dichiarato che le rinunce e le transazioni contenute all’interno di un verbale di conciliazione sottoscritto in sede sindacale può essere impugnato nei casi in cui il contratto collettivo applicato non disciplina l’Istituto in questione.

Come noto, il rappresentante sindacale in sede di rinunce e transazioni ha un dovere di assistenza e illustrazione dei contenuti della rinuncia e transazione al lavoratore.

In caso di assenza di svolgimento dei contenuti di assistenza e illustrazione, la rinuncia e transazione, è impugnabile entro i termini di 180 giorni dall’effettuazione della rinuncia e transazione. Sui termini dell’impugnazione, il suddetto articolo 2113 c.c., afferma che “l’impugnazione deve essere proposta, a pena di decadenza, entro sei mesi dalla data di cessazione del rapporto o dalla data della rinunzia o della transazione”.

Verbali di conciliazione impugnabili in sede sindacale: Rinunce e transazioni.

In Primo Piano

Continua a leggere

Aumenti salariali per le imprese e le aziende metalmeccaniche

Aumenti salariali per le imprese e le aziende metalmeccaniche. Aumenta lo stipendio dei dipendenti nel settore delle imprese metalmeccaniche.

Una festa in busta paga

Il 1° maggio in Italia, come in altre parti del mondo è valutata come una festività. Infatti in tale data si ricordano le prime manifestazioni non pacifiche negli States, e più precisamente a Chicago, iniziate il 1° maggio del 1886.

Gestione della festività del 25 aprile

Come ogni anno il 25 aprile, quest’anno caduta di martedì, è un giorno festivo, questo elemento nel mondo giuslavoristico è confermato sia dai vari contratti collettivi nazionali si dalla legge n. 260 de 1949.