24 Maggio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Telecamere sul posto di lavoro

Telecamere sul posto di lavoro. Con un comunicato stampa del 17 ottobre 2019 il Garante per la protezione dei dati personali ha provveduto a commentare la sentenza della Corte di Strasburgo in merito all’utilizzo di telecamere nascoste sui luoghi di lavoro.

Nel caso affrontato dalla Corte europea sui diritti umani se da un lato giustifica l’istallazione nascosta di telecamere sul posto di lavoro, dall’altro ribadisce il criterio di proporzionalità come requisito essenziale di legittimazione dei controlli sui lavoratori.

Nel caso di specie la Corte ritiene ammissibile l’istallazione di telecamere nascoste sul luogo di lavoro in quanto ricorrevano determinati presupposti: vi erano ragionevoli e fondati sospetti di furti da parte dei lavoratori ai danni del patrimonio aziendale, l’area oggetto di ripresa era circoscritta, le videocamere erano state in funzione per un periodo limitato, le cui immagini erano state utilizzate soltanto per fini di prova e non era stato possibile ricorrere a mezzi alternativi.

Questo tipo di videosorveglianza è ammissibile soltanto come “extrema ratio” alla presenza di gravi illeciti e con modalità spazio-temporali limitati, tali da non trasformarsi in prassi ordinaria.

Affinché i controlli sul posto di lavoro siano legittimi per la Corte resta fermo il requisito della proporzionalità e non eccedenza.

Articolo correlato

Telecamere sul posto di lavoro

In Primo Piano

Continua a leggere

Privacy: mail lavoratori, conservare metadati non oltre 7 giorni

Le indicazioni a tutti i datori di lavoro pubblici e privati. L'estensione del periodo di conservazione oltre l'arco temporale fissato dal Garante può comportare un controllo a distanza dell'attività del lavoratore. E’ quanto è emerso oggi con la pubblicazione del...

Privacy, non dare accesso ai dati personali è un comportamento scorretto

Autorità Garante Dati Personali accerta illiceità del trattamento dei dati di un dipendente da parte di un'azienda di servizi di pubblica utilità e eroga sanzione con multa di 10mila euro. Si ha diritto ad avere accesso ai propri dati personali...

Controllo lavoratori, sanzioni per chi non rispetta il diritto alla privacy

il Garante per la protezione dei dati personali (GPDP) comunica di aver adottato un provvedimento sanzionatorio nei confronti di un’azienda, resasi responsabile di aver violato lo Statuto dei Lavoratori nella parte in cui tutela il diritto alla privacy all’interno dei luoghi di lavoro.