24 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Lavoro, dati biometrici dipendenti sono riservati

In corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale un provvedimento del Garante in materia di trattamento dei dati biometrici.

“Il riconoscimento facciale per controllare le presenze sul posto di lavoro viola la privacy dei dipendenti. Non esiste al momento alcuna norma che consenta l’uso di dati biometrici, come prevede il Regolamento, per svolgere una tale attività”. Per questo motivo il Garante privacy ha sanzionato cinque società con sanzioni rispettivamente da 70mila a 2mila euro, per aver trattato in modo illecito i dati biometrici di un numero elevato di lavoratori.

L’Autorità, intervenuta a seguito dei reclami di diversi dipendenti, ha anche evidenziato ”i particolari rischi per i diritti dei lavoratori connessi all’uso dei sistemi di riconoscimento facciale, alla luce delle norme e delle garanzie previste sia nell’ordinamento nazionale che in quello europeo”.

Dall’attività ispettiva del Garante, svolta in collaborazione con il Nucleo speciale privacy e frodi tecnologiche della Guardia di finanza, sono emerse anche ulteriori violazioni da parte delle società. In particolare l’Autorità ha accertato che tre aziende avevano condiviso per più di un anno lo stesso sistema di rilevazione biometrica, oltretutto senza aver adottato misure tecniche e di sicurezza adeguate.

Inoltre il medesimo “sistema” ritenuto illecito dall’Autorità, era utilizzato presso altre nove sedi dove operava una delle società sanzionate. Le aziende, infine, non avevano fornito una informativa chiara e dettagliata ai lavoratori né avevano effettuato la valutazione d’impatto prevista dalla normativa privacy.

Le aziende, ad avviso del Garante, avrebbero dovuto più opportunamente utilizzare sistemi meno invasivi per controllare la presenza dei propri dipendenti e collaboratori sul luogo di lavoro (come ad esempio il badge). Oltre al pagamento delle sanzioni il Garante ha ordinato la cancellazione dei dati raccolti illecitamente.

In corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale un provvedimento del Garante in materia di trattamento dei dati biometrici e scansione dell’iride.

Leggi la notizia diffusa dall’Autorità “Lavoro: no del Garante Privacy all’uso del riconoscimento facciale per controllo presenze

In Primo Piano

Continua a leggere

Garante Privacy avvia consultazione pubblica sulla conservazione dei dati dei lavoratori

Trenta giorni di tempo per segnalazioni e quesiti all’Autorità. Parte una consultazione pubblica sulla conservazione dei metadati prodotti dalle scie elettroniche dei servizi posta elettronica dei lavoratori che riguardano giorno, ora, mittente, destinatario e altri dati sensibili. Lo ha deciso l’Autorità Garante...

Sì dal Garante Privacy a Codice di condotta delle Agenzie per il lavoro

Vietato "spiare" opinioni politiche, religiose o sindacali dei lavoratori, spiare gli account personali, effettuare preselezioni sulla base di informazioni personali come stato civile o altro, anche se con il consenso dei candidati. Sono alcune "buone prassi" a cui si...

Privacy: mail lavoratori, conservare metadati non oltre 7 giorni

Le indicazioni a tutti i datori di lavoro pubblici e privati. L'estensione del periodo di conservazione oltre l'arco temporale fissato dal Garante può comportare un controllo a distanza dell'attività del lavoratore. E’ quanto è emerso oggi con la pubblicazione del...