4 Marzo 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

Part time agevolato per i lavoratori prossimi alla pensione

Il Ministero del Lavoro, di concerto con quello delle Finanze, ha  firmato il Decreto del 13 aprile 2016 che disciplina le modalità di esercizio del nuovo part time agevolato per i lavoratori prossimi alla pensione, istituto introdotto dalla Legge di Stabilità 2016.

Questa nuova forma di lavoro a tempo parziale è fruibile dai lavoratori assunti a tempo indeterminato (full time) che raggiungeranno i requisiti anagrafici e contributivi per la pensione di vecchiaia entro il 31 dicembre 2018.

Gli stessi lavoratori, soddisfatti i requisiti di cui sopra (certificati dall’Inps), potranno accordarsi con il datore di lavoro, tramite la stipula di un apposito contratto, per trasformare il rapporto da tempo pieno a tempo parziale, con una riduzione dell’orario compresa tra il 40 ed il 60 per cento.

Il datore di lavoro, stipulando questo accordo, si impegna a corrispondere mensilmente una somma pari alla contribuzione previdenziale relativa alle ore di lavoro non effettuate e con riconoscimento della contribuzione figurativa commisurata alla retribuzione corrispondente alla prestazione lavorativa non effettuata in virtù della riduzione oraria.

Tale beneficio, che non sarà più erogato dal momento del raggiungimento dei requisiti per il trattamento pensionistico di vecchiaia, non concorre a formare il reddito di lavoro dipendente e non è soggetto ad alcuna forma di contribuzione previdenziale.

Dal punto di vista prettamente pratico, una volta stipulato il contratto quest’ultimo dovrà essere presentato alla DTL competente per territorio che, entro cinque giorni, rilascerà una autorizzazione.

Entro cinque giorni dall’autorizzazione, il datore di lavoro dovrà fare richiesta all’Inps che comunica l’accoglimento o il rigetto della domanda.

Anche la cessazione del rapporto di lavoro part time agevolato va comunicata sia alla DTL che all’Inps.

Il decreto è stato trasmesso alla Corte dei Conti per la registrazione.

Fonte: Ministero del Lavoro

 

 

In Primo Piano

Continua a leggere

Pensioni e Legge di Bilancio  

Quali sono le modifiche al sistema pensionistico recate dalla legge di Bilancio 2024? Cambiano con la legge n. 213/2023 alcune misure nel sistema pensionistico: le modifiche riguardano Quota 103, APE sociale e Opzione Donna e poi tutta la platea dei lavoratori con primo...

Pensioni: quota 103, bonus per rimanere al lavoro

Incentivo economico per chi, potendo utilizzare Quota 103, sceglie di non andare in pensione. Il lavoratore che sceglierà questa soluzione potrà, dunque, ottenere in busta paga i contributi previdenziali a suo carico. Arrivano dall’Inps le indicazioni per accedere al bonus previsto per il posticipo...

Immigrazione, decreto Flussi: ancora possibile aderire a procedure semplificate

Immigrazione, decreto Flussi: ancora possibile aderire a procedure semplificate. Lo ha fatto sapere il ministero del Lavoro. E’ ancora possibile aderire al protocollo d’intesa volto alla semplificazione delle procedure d’ingresso in Italia di cittadini stranieri ed extracomunitari per motivi di lavoro, come...