4 Marzo 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

INPS: NASpI dopo la mobilità

L’INPS con messaggio n. 3018 del 27 luglio 2018 ha riconosciuto, a seguito di alcune segnalazioni pervenute agli enti di patronato, la persistenza del diritto alla NASpI al termine della fruizione dell’indennità di mobilità ordinaria o dei trattamenti di disoccupazione speciale per l’edilizia.

Tale problematica era già stata affrontata dal Ministero del Lavoro con nota n. 8774 del 28 maggio 2018 con la quale era stata riconosciuta ai lavoratori, dotati dei requisiti fissati dalla legge in materia, la possibilità di richiedere l’indennità NASpI anche dopo aver fruito dell’indennità di mobilità ordinaria.

Nello specifico, per ottenere tale beneficio, è necessario presentare istanza entro i 68 giorni successivi dal termine dell’ultimo rapporto di lavoro a tempo determinato intrattenuto e la scadenza della prestazione di mobilità o del trattamento speciale edile ex lege 451 del 94.

L’INPS fornirà a breve istruzioni operative più dettagliate.

In Primo Piano

Continua a leggere

Licenziamento e ticket Determinato il massimale NASpI

Quota 2024 a 1.550,42 euro. Calcolata la base della contribuzione dovuta in applicazione dell’obbligo di versamento del ticket di licenziamento. Lo ha comunicato l'Inps con il messaggio n. 531 del 7 febbraio 2024.   Nuovo massimale NaspI per il calcolo...

Alluvione: calcolata la disoccupazione agricola per l’Emilia Romagna

Rese note le modalità di calcolo e i requisiti utili per ricevere l’indennità di disoccupazione agricola introdotta dal Dl. n. 61/2023 quale misura di sostegno al reddito dopo l’emergenza alluvionale che ha colpito la Regione Emilia-Romagna. Lo ha fatto l'Inps...

Diritto alla Naspi può venire meno

Diritto alla Naspi può venire meno. Lo ha deciso la Corte di Cassazione. La percezione della Naspi decade se non vengono resi noti gli altri eventuali rapporti autonomi in essere.  La Corte di Cassazione con l’ordinanza 846 del 9 gennaio scorso...