24 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Ministero del lavoro: rapporto tra esonero contributivo biennale e triennale

Il Ministero del Lavoro, con l’interpello n. 17/2016, ha risposto ad un quesito posto da A.n.i.s.a., circa la possibile fruizione dell’esonero contributivo biennale nel caso in cui l’assunzione a tempo indeterminato riguardi lavoratori per i quali, pur essendo stato già concesso l’esonero triennale (ex L. 190/2014) per una precedente assunzione a tempo indeterminato da parte di altro datore di lavoro, la stessa agevolazione sia stata comunque fruita per un periodo inferiore a 24 mesi a seguito della risoluzione del rapporto di lavoro.

Rispondendo al quesito sopra individuato, il Ministero ha chiarito che “appare possibile fruire del beneficio di cui all’art. 1 comma 178, L. n. 208/2015 entro il limite previsto di 24 mesi, nel caso in cui l’assunzione riguardi un lavoratore per il quale l’esonero contributivo sia stato già usufruito da parte di un diverso datore di lavoro in ragione di un precedente contratto a tempo indeterminato successivamente risolto, a condizione che il datore di lavoro che assume non sia una società controllata dal precedente datore di lavoro o ad esso collegata ai sensi dell’art. 2359 c.c. o facente capo, anche per interposta persona, allo stesso soggetto e ferme restando le ulteriori condizioni previste dalla norma”.

Fonte: Ministero del Lavoro

In Primo Piano

Continua a leggere

Esonero contributivo per i datori in possesso della certificazione per la parità di genere

I datori di lavoro che entro il 31 dicembre 2023 conseguano la certificazione per la parità di genere, potranno fruire di un esonero dal versamento dell’1% dei contributi previdenziali. L’esonero, di cui all’articolo 5 della legge n. 162/2021, sarà...

Agricoltura, le agevolazioni per coltivatori e imprenditori

Esonero contributivo 2023 per coltivatori diretti e imprenditori agricoli

Operativo l’incentivo “NEET” per i datori di lavoro privati

Operativo l’incentivo “NEET” per i datori di lavoro privati. Fino al 31 dicembre prossimo