17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Come considerare l’integrazione del congedo parentale

Chiarito il trattamento fiscale delle somme erogate alle lavoratrici madri ai sensi dell’articolo 51, comma 1 del Tuir (risposta all’interpello n. 57/2024).

La Società istante intendeva riconoscere alle lavoratrici madri, al termine del periodo di congedo obbligatorio per maternità, un importo pari alla differenza tra il 100% della retribuzione mensile lorda e l’indennità di congedo di maternità facoltativa a carico INPS, trasformato in quota Welfare.

L’Istante, in particolare, chiedeva se il suddetto importo potesse considerarsi quale somma non imponibile alla luce dei commi 2 e 3 dell’articolo 51 del Tuir.

L’Agenzia delle Entrate, oltre a ribadire il principio di onnicomprensività del reddito da lavoro dipendente (costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d’imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali), sottolinea, anche in virtù della risoluzione n. 55/E del 25 settembre 2020, che non sia possibile riconoscere tali benefit sulla base dei soli criteri ad personam.

Nel caso in esame, infatti, l’erogazione non sembra rivolgersi a più “categorie di dipendenti” bensì sembra operare una distinzione basata sulle sole caratteristiche personali di alcuni (welfare rivolto alle sole lavoratrici in maternità).

Si ritiene, pertanto, che le somme in esame assumano un rilevanza reddituale in quanto rappresentano un’erogazione effettuata in sostituzione di somme costituenti retribuzione fissa o variabile, ma comunque aventi finalità retributiva.

In Primo Piano

Continua a leggere

Chiarimenti 600€ Fringe Benefit

Chiarimenti 600€ Fringe Benefit. Nell’ambito del welfare aziendale il datore di lavoro può erogare beni e/o servizi nei confronti dei lavoratori senza che questi comportino un incidenza sulla retribuzione del lavoratore. Il decreto aiuti bis Dl. n. 115 del 2022...

Welfare aziendale: limite 2022 dei fringe benefit ritorna alle “origini”

Welfare aziendale: limite 2022 dei fringe benefit ritorna alle “origini”. Tra le novità della Legge n. 234/2021, Legge di Bilancio 2022, compare anche quella relativa alla soglia di esenzione dei Fringe benefit; nonostante molti addetti ai lavori si aspettassero una proroga o ancora meglio una stabilizzazione di quanto previsto per il biennio 2020-2021, a partire dal 1° gennaio 2022 viene determinato il ritorno ai valori originali previsti dal comma 3, articolo 51 del TUIR ovvero all’ammontare di 258,23 euro su base annuale.

Proroga vigenza ccnl dirigenti – magazzini generali

Proroga vigenza ccnl dirigenti – magazzini generali. Nel merito del confronto tra le Parti per procedere con il rinnovo del CCNL per dirigenti