29 Settembre 2023

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

Legittimo utilizzo di mail aziendale per comunicazioni sindacali

Legittimo utilizzo di mail aziendale per comunicazioni sindacali. Devi ritenersi antisindacale la condotta del datore di lavoro che non permette ai lavoratori l’utilizzo della mail aziendale per effettuare comunicazioni sindacali

Con l’ordinanza n. 16746 del 21 giugno 2019, la Corte di Cassazione ha affermato che deve essere condannato per condotta antisindacale il datore di lavoro che introduce un divieto assoluto di effettuare comunicazioni di natura sindacale utilizzando la mail aziendale, dovendosi ritenere che i lavoratori abbiano diritto a svolgere opera di proselitismo per le loro organizzazioni sindacali all’interno dei luoghi di lavoro, senza pregiudizio del normale svolgimento dell’attività aziendale.

Fondamento di tale orientamento

Tale orientamento, in linea con precedenti indirizzi espressi dalla giurisprudenza, trova il suo fondamento nell’articolo 26 dello Statuto dei Lavoratori nel quale si afferma solennemente che “i lavoratori hanno diritto di raccogliere contributi e di svolgere opera di proselitismo per le loro organizzazioni sindacali all’interno dei luoghi di lavoro, senza pregiudizio del normale svolgimento dell’attività aziendale.”

Oltre a ciò, la Suprema Corte ha sancito che il diritto di proselitismo sia espressione del più ampio diritto di manifestazione del pensiero e, come conseguenza di ciò, il divieto di divulgazione sindacale per mezzo di posta elettronica aziendale è da considerarsi come illegittimo. Ciò vale anche in considerazione del fatto che tale condotta non comporta alcun pregiudizio per l’attività aziendale.

Legittimo utilizzo di mail aziendale per comunicazioni sindacali.

Fonte: Corte di Cassazione

In Primo Piano

Continua a leggere

Cassazione, interessante indirizzo giurisprudenziale adottato nel risarcimento

La Corte di Cassazione con sentenza n. 20922 del 18 luglio scorso si è pronunciata nel merito del ricorso presentato da una casalinga rimasta invalida in seguito a un incidente che chiedeva il risarcimento danni al comune di Verzino, in Calabria, provincia di Crotone.

È indispensabile la formazione sulla sicurezza

Per la mancata frequenza dei corsi, legittimo il licenziamento del lavoratore.  È indispensabile la formazione sulla sicurezza del lavoro: lo ha deciso  la Corte di Cassazione con la sentenza n. 20259 del 14 luglio scorso.

Cassazione decide su ferie e adeguata retribuzione

La Corte di Cassazione, con la sentenza n.19663 del 2023, si è occupata della retribuzione del dipendente nel periodo delle ferie e soprattutto se gli incentivi connessi alle mansioni possano di fatto essere ricomprese nel compenso delle ferie.