23 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Intervento del Fondo di Garanzia in caso di trasferimento d’azienda

Intervento del Fondo di Garanzia in caso di trasferimento d’azienda. Come noto, l’articolo 2112 c.c., rubricato “mantenimento dei diritti dei lavoratori in caso di trasferimento d’azienda” contiene una serie di tutele volte ad assicurare che le vicende circolatorie della società possano incidere negativamente sulla situazione dei lavoratori dipendenti.

Tra le garanzie concesse dall’articolo 2112 c.c. particolare rilevanza la rivestono “la continuità del rapporto di lavoro e l’obbligazione solidale tra cedente e cessionario per i crediti vantati dal lavoratore al momento del trasferimento”.

Il messaggio INPS n. 2272 del 14 giugno 2019 distingue la portata dell’intervento del Fondo a seconda dello stato finanziario e societario dell’Azienda.

Trasferimento d’Azienda in bonis

Nel caso in cui il trasferimento sia stato effettuato da azienda cedente in bonis “il Fondo di garanzia può intervenire, per l’intero importo maturato, solo in caso di insolvenza del datore di lavoro cessionario”. Quanto riportato sopra, trova applicazione anche nel caso in cui il lavoratore e l’Azienda sottoscrivano un “accordo con il quale il lavoratore rinuncia alla solidarietà del cessionario per i crediti di lavoro esistenti al momento del trasferimento. Detto accordo, infatti, seppure fosse valido, non può produrre alcun effetto per l’INPS che non ne è stato parte (art. 1372 c.c.)”.

Trasferimento d’Azienda da parte di cedente assoggettato a procedura concorsuale

Quando il trasferimento d’azienda riguarda Società assoggettate a procedura concorsuali, l’articolo 47 della legge n. 428/1990, consente “consente di derogare a tutte o alcune delle tutele previste dalla disposizione di cui all’articolo 2112 c.c”.

Affitto d’Azienda

Con riferimento all’affitto dell’Azienda del fallito, previsto dall’articolo 104 della legge fallimentare, “le indicazioni in precedenza impartite consentivano l’intervento solo al termine dell’affitto medesimo, con correlata liquidazione della quota di TFR maturata prima dell’apertura della procedura concorsuale, nella misura ammessa allo stato passivo”. Tuttavia, l’INPS precisa che, “il credito per TFR (…) deve essere considerato esigibile all’atto del trasferimento” dell’azienda.

Con riferimento al caso “di fallimento di una delle parti nel corso dell’esecuzione di un contratto di affitto d’azienda (…) l’articolo 79 L.F. prevede che, non essendo il fallimento di uno dei contraenti causa di scioglimento del contratto, il contratto stesso prosegua, salva la facoltà delle parti di recedere entro 60 giorni”.

Ne consegue che il fallimento dell’azienda cedente non determina l’automatica retrocessione dei lavoratori passati alle dipendenze del cessionario e, pertanto, le domande volte ad ottenere la liquidazione della quota di TFR maturata dai lavoratori per il periodo in cui erano alle dipendenze della cedente non potranno trovare accoglimento”.

Quindi, il Fondo di garanzia non potrà intervenire in caso del cessionario e di retrocessione dei lavoratori all’impresa cedente in bonis, il “Fondo di garanzia non potrà, quindi, intervenire per la quota maturata alle dipendenze dell’azienda fallita”.

Intervento del Fondo di Garanzia in caso di trasferimento d’azienda.

In Primo Piano

Continua a leggere

Congedo straordinario: computo delle mensilità aggiuntive   

A seguito delle richieste di chiarimenti pervenute all’Inps, con il messaggio n. 30 del 4 gennaio 2024, l’Istituto comunica le modalità di computo del rateo della tredicesima e della quattordicesima mensilità ai fini del calcolo dell’indennità per il congedo...

Sgravio contributivo per contratti di solidarietà 

L’Inps rende note le imprese ammesse alla fruizione dello sgravio contributivo per i contratti di solidarietà

Esonero contributivo per i beneficiari di assegno di inclusione 

L’Inps ha reso note le prime indicazioni in merito all’esonero introdotto dal Dl 48/2023 relativo alle assunzioni a tempo determinato e indeterminato e per la trasformazione dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato di soggetti beneficiari dell’Assegno di inclusione e del Supporto per la formazione e il lavoro