24 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Indennità di volo e retribuzione pensionabile

Indennità di volo e retribuzione pensionabile. L’Inps con il messaggio n. 1711 del 3 maggio 2019, fornisce chiarimenti sulle regole per la determinazione dell’incidenza dell’indennità di volo nell’individuazione della retribuzione soggetta a contribuzione previdenziale e la rilevanza delle indennità di navigazione e di volo nella retribuzione pensionabile.

Si precisa che, il testo unico delle imposte sul reddito, prevede un particolare regime fiscale per “le indennità di navigazione e di volo”. Infatti, le indennità di volo e di navigazione, corrisposte ai piloti per contratto o per legge, “concorrono a formare il reddito nella misura del 50 per cento del loro ammontare”.

L’Inps, per il triennio 2014 – 2017, aveva introdotto un particolare regime d’imponibilità contributiva per i soggetti percettori delle indennità di navigazione e di volo. L’INPS, in deroga al principio dell’armonizzazione della base impositiva fiscale e previdenziale, prevedeva per la l’indennità di navigazione o di volo un’esenzione dall’imposizione previdenziale totale per il periodo suddetto.

Si ricorda però che, malgrado l’esenzione dall’imposizione fiscale, le indennità di navigazione o di volo risultavano imponibili fiscalmente secondo la normativa specifica prevista dal testo unico sull’imposta sul reddito delle persone fisiche.

In Primo Piano

Continua a leggere

Congedo straordinario: computo delle mensilità aggiuntive   

A seguito delle richieste di chiarimenti pervenute all’Inps, con il messaggio n. 30 del 4 gennaio 2024, l’Istituto comunica le modalità di computo del rateo della tredicesima e della quattordicesima mensilità ai fini del calcolo dell’indennità per il congedo...

Sgravio contributivo per contratti di solidarietà 

L’Inps rende note le imprese ammesse alla fruizione dello sgravio contributivo per i contratti di solidarietà

Esonero contributivo per i beneficiari di assegno di inclusione 

L’Inps ha reso note le prime indicazioni in merito all’esonero introdotto dal Dl 48/2023 relativo alle assunzioni a tempo determinato e indeterminato e per la trasformazione dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato di soggetti beneficiari dell’Assegno di inclusione e del Supporto per la formazione e il lavoro