22 Febbraio 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

Incentivi alle assunzioni: il piano Garanzia Giovani

Tra le misure più importanti adottate a livello nazionale vi è lo stanziamento di un incentivo per le assunzioni di giovani con specifici requisiti, che sarà concesso fino al limite delle risorse disponibili.

La Circolare INPS 118/2014 disciplina la misura in commento e fornisce le prime indicazioni operative per i datori di lavoro interessati. Rientrano nell’applicazione del beneficio tutti i datori di lavoro privati a prescindere dalla natura di “imprenditori”.

Più complesso e stringente è il panorama delle persone interessate; vi rientrano, infatti, tutti i giovani di età compresa tra i 15 ei 29 anni definiti come NEET – Not [engaged in] Education, Employment or Training, ovvero, giovani non inseriti in un percorso di studi, non occupati né inseriti in un percorso di formazione.
Gli interessati dovranno obbligatoriamente iscriversi al Programma Europeo Garanzia Giovani tramite il portale http://www.garanziagiovani.gov.it/Pagine/Aderisci.aspx. Al termine delle procedura, in un momento successivo, il giovane sarà convocato dal competente centro per l’impiego; scopo dell’incontro è terminare l’iscrizione attribuendo la “classe di profilazione” elemento indispensabile per definire la misura dei benefici eventualmente spettanti alle aziende (Il requisito di età s’intende posseduto se, il giorno della registrazione al “Programma”, il giovane non ha ancora compiuto il trentesimo anno di età).

L’incentivo spetta per le assunzioni (o trasformazioni) a tempo indeterminato e determinato (ad eccezione delle regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Puglia) per le assunzioni (o trasformazioni) avvenute dal giorno 1° maggio 2014. L’entità del beneficio spettante dipende non solo dalla tipologia contrattuale scelta (tempo determinato o indeterminato), ma anche dalla classe di profilazione attribuita alla risorsa interessata:

Classe di profilazione del giovane
BASSA MEDIA ALTA MOLTO ALTA
Assunzione a tempo determinato (anche a scopo di somministrazione) di durata superiore o uguale a 6 mesi € 1.500 € 1.200
Assunzione a tempo determinato (anche a scopo di somministrazione) di durata superiore o uguale a 12 mesi € 3.000 € 4.000
Assunzione a tempo indeterminato (anche a scopo di somministrazione) € 1.500 € 3.000 € 4.500 € 6.000

Come si evince dalla tabella non spettano incentivi per le assunzioni a termine di risorse aventi classe di profilazione bassa o media.
L’incentivo è subordinato:

  1. Alla regolarità prevista dall’articolo 1, commi 1175 e 1176, della legge 296/2006, inerente:
    • – l’adempimento degli obblighi contributivi;
    • – l’osservanza delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro;
    • – il rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché di quelli regionali,
      territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale;
  2. All’applicazione dei principi stabiliti dall’articolo 4, commi 12, 13 e 15, della legge 92/2012;
  3. Alla circostanza che il relativo importo non superi i limiti complessivamente previsti per gli aiuti di stato cosiddetti “de minimis”.

L’incentivo non è cumulabile con altri benefici all’assunzione, siano essi di natura economica o contributiva. I Datori di lavoro, al fine di godere dei benefici in commento, dovranno inoltrare apposita istanza tramite l’invio del modello “GAGI” disponibile all’interno dell’applicazione Di.Res.Co. (Messaggio INPS 7598/2014).

Successivamente l’INPS comunicherà l’importo delle risorse “prenotate”. Entro quattordici giorni lavorativi dalla ricezione della comunicazione di prenotazione positiva dell’Istituto, il datore di lavoro ha l’obbligo di comunicare, a pena di decadenza, l’avvenuta assunzione o trasformazione, chiedendo la conferma (sempre tramite procedura Di.Res.Co) della prenotazione effettuata in suo favore. L’istanza di conferma costituisce domanda definitiva di ammissione al beneficio. Datori di lavoro e operatori del settore restano però in attesa di ricevere le indicazioni di compilazione del flusso UNIEMENS, ad oggi non ancora emanate.

In Primo Piano

Continua a leggere

Osservatorio sul precariato: i dati di gennaio 2023

L’INPS, in data 20 aprile 2023, ha reso nota la pubblicazione dell’Osservatorio sul precariato con i dati relativi al mese di gennaio 2023.

Contratto di espansione e incentivi all’occupazione per le assunzioni

Con il messaggio 1450/2023, L’INPS fornisce un importante chiarimento, affermando come anche per le assunzioni effettuate dal datore di lavoro in attuazione di un contratto di espansione, possono essere applicate le agevolazioni esistenti, anche se tali assunzioni sono realizzate in esecuzione di un contratto di espansione con in corso la cassa integrazione.

Istat: occupati e disoccupati gennaio 2023

L’ISTAT, con un comunicato stampa pubblicato in data 2 marzo 2023, ha reso noti i dati relativi all’occupazione in Italia nel mese di gennaio 2023. Secondo quanto diffuso dall'Istat a gennaio 2023, rispetto al mese precedente, sono aumentati gli occupati e i disoccupati, mentre sono diminuiti gli inattivi.