19 Giugno 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Dimissioni del lavoratore nel periodo di congedo di paternità

Dimissioni del lavoratore nel periodo di congedo di paternità. Con il D.lgs. n. 105/2022, è stato reso strutturale il riconoscimento del diritto al congedo di paternità obbligatorio per tutti i lavoratori dipendenti, usufruibile dai due mesi precedenti alla data presunta del parto ed entro i cinque mesi successivi all’evento. I giorni di congedo riconosciuti sono pari a dieci e non risultano frazionabili in ore.

Con il Messaggio n. 1356 del 12 aprile 2023, l’INPS, sottolinea come per tutta la durata del congedo di paternità obbligatorio o alternativo, e fino al compimento del primo anno di vita del bambino, l’eventuale licenziamento intimato al lavoratore padre risulta nullo.

Viene ulteriormente ribadito come, nello stesso arco temporale, in caso di dimissioni volontarie presentate dal lavoratore padre già fruitore del congedo di paternità, debba essere riconosciuto il diritto all’accesso alla NASpI, senza l’onere del rispetto dei termini di preavviso, con il versamento però da parte del datore di lavoro del contributo di licenziamento a favore dell’ente previdenziale.

È bene ricordare come, essendo considerato periodo protetto, le dimissioni presentate dal lavoratore dovranno necessariamente ricevere la convalida da parte dell’ITL.

A decorrere dal 13 agosto 2022, per gli eventi verificati da tale data, è previsto l’obbligo da parte del datore di lavoro di versare il Ticket di licenziamento, l’importo da versare da parte del datore di lavoro dovrà essere riportato all’interno dell’Uniemens con il codice Tipo Cessazione 1S, per le cessazioni avvenute prima della pubblicazione del massaggio dell’ente previdenziale, dovrà invece essere esposto il nuovo Codice Cessazione 1S e il codice M400.

Dimissioni del lavoratore nel periodo di congedo di paternità.

In Primo Piano

Continua a leggere

Inps: procedura obbligatoria per sussidi di disoccupazione NaspI e Dis-coll

Le richieste si fanno in via telematica. Un canale unico di presentazione delle domane tramite piattaforma “ID 3.0”. Lo ha reso noto l'Inps con il messaggio n. 804/2024.  L’Istituto ha fatto sapere che a partire dal prossimo  primo marzo...

Disoccupazione. Precisazioni sulle indennità NASpI e Dis-coll

Prestazioni di disoccupazione NASpI e Dis-coll, come accedere. Con il messaggio 750/2024 le precisazioni Inps in tema di accesso alle prestazioni di disoccupazione NASpI e Dis-coll.  L’Istituto ha ricordato che possono fruire dell’indennità di disoccupazione i soggetti privi di impiego...

Trasferimento legittimo ma gravoso? Hai diritto alla disoccupazione Naspi

Lo ha stabilito la sentenza n. 258 del 02.10.2023 della Corte d’Appello di Firenze che ha riconosciuto il diritto all’indennità anche nel caso di trasferimento legittimo.  La sentenza della Corte ha ruotato intorno ai concetti di “gravosità del trasferimento” a...