23 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Covid-19: convalida dimissioni nel periodo protetto

Covid-19: convalida dimissioni nel periodo protetto. L’ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), in seguito alle misure attuate dal Governo al fine di limitare e contenere il contagio da COVID-19, ha reso disponibile sul proprio portale il modello di richiesta “a distanza” del provvedimento di convalida delle dimissioni o risoluzioni consensuali del rapporto di lavoro per le lavoratrici madri e i lavoratori padri di figli fino a tre anni di età (ex art. 55 D.Lgs. 151/2001).

L’istituto precisa che il suddetto modulo sarà utilizzabile, in via eccezionale ed esclusivamente per tutta la durate del periodo emergenziale, andando a sostituire il colloquio diretto della lavoratrice o del lavoratore con il funzionario dell’Ispettorato del lavoro territorialmente competente.

L’idea di fondo è chiaramente quella di evitare al massimo spostamenti ed assemblamenti di persone.

La lavoratrice, o il lavoratore, hanno il compito di compilare e sottoscrivere in ogni sua parte il modulo in oggetto.

Molte informazioni come, ad esempio, quelle inerenti al datore di lavoro ed il rapporto di lavoro posso essere individuate all’interno della busta paga.

Successivamente i soggetti interessati avranno l’onere di inviare al competente ufficio (individuato e determinato in relazione al luogo di lavoro o residenza dei soggetti stessi) mediante posta elettronica. A tale documentazione dovrà poi essere allegato un documento di identità e la lettera di dimissioni/risoluzione consensuale debitamente datata e firmata.

Fonte: INAIL

Covid-19: convalida dimissioni nel periodo protetto

In Primo Piano

Continua a leggere

Dal Censis una foto di attualità

Per il 62,7% degli italiani il lavoro non è più centrale nella vita delle persone. Emerge dal 57° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese diffuso oggi. Secondo il rapporto il senso che viene attribuito al lavoro ora discende direttamente dal...

Diritto alla Naspi e dimissioni per giusta causa, il caso di Torino

Diritto alla Naspi e dimissioni per giusta causa, il caso di Torino. Il tribunale di Torino, con la sentenza n. 429 del 27 aprile del 2023, si è occupato di un caso in merito alla richiesta di fruizione della Naspi (nuova assicurazione sociale per l’impiego) dopo le dimissioni per giusta causa di una lavoratrice e il ricorso per accedere al sostegno.

Il convivente more uxorio non è un familiare

L'ente si è pronunciato sulla inquadrabilita della posizione lavoristico-previdenziale del convivente more uxorio quale collaboratore o coadiuvante familiare in attesa dell’emanazione della sentenza delle SS.UU. civili.