22 Febbraio 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

Corte di Giustizia Ue: il licenziamento collettivo può riguardare anche la lavoratrice in gravidanza

Con la sentenza C-103/16, la Corte di Giustizia europea ha stabilito che anche le lavoratrici gestanti possono essere ricomprese all’interno della procedura di licenziamento collettivo.

A giudizio della Corte, tale orientamento non è da considerarsi contrario alla direttiva europea 92/85 (tutela della maternità), purché, oltre alla presenza del motivo economico, il datore di lavoro abbia adottato criteri oggettivi nella designazione dei lavoratori da licenziare.

Difatti, i Giudici hanno sottolineato che la suddetta direttiva non osta a una normativa nazionale che consente il licenziamento di una lavoratrice gestante a causa di un procedimento collettivo. Tuttavia, allo stesso modo, nulla vieta ai singoli Stati membri di prevedere delle tutele superiori rispetto a quelle minime stabilite in ambito europeo.

Fonte: Corte di giustizia europea

In Primo Piano

Continua a leggere

Sentenza Corte UE: licenziamenti e Jobs Act

Sentenza Corte UE: licenziamenti e Jobs Act. La Corte di Giustizia Europea, con la causa n. C-652/19, si è pronunciata in merito al licenziamento considerato illegittimo di un lavoratore il cui rapporto a termine è stato convertito in contratto a tempo indeterminato dopo il 7 marzo 2015.

Cassazione: trasferimento d’azienda e licenziamenti collettivi

Cassazione: trasferimento d’azienda e licenziamenti collettivi. la Corte di Cassazione è intervenuta in materia di trasferimento d’azienda per crisi

Cassazione: illegittimo il licenziamento collettivo senza la corretta applicazione dei criteri di scelta

Con la sentenza n. 19010 del 17 luglio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che deve considerarsi legittimo l’annullamento di un licenziamento collettivo quando nella comunicazione ex art. 4 comma 9 della legge 223/1991 il datore di lavoro...