17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Contratti a tempo, rinnovi, sostituzioni 

Con la circolare n. 9/2023 il ministero del Lavoro interviene sulle questioni del regime transitorio per proroghe e rinnovi e sul ruolo della contrattazione collettiva. Quest’ultima è ritenuta centrale nell’individuazione delle causali che giustificano il superamento dei 12 mesi previsti per il contratto a termine e che consentono di arrivare alle 24 mensilità di durata complessiva.

La circolare specifica i limiti d’intervento delle parti nell’individuazione di ulteriori causali in assenza delle prescrizioni contrattuali di cui all’articolo 51 del D.lgs. n. 81/2015 e comunque non oltre il 30 aprile 2024.

Per i contratti a tempo determinato stipulati in data antecedente all’entrata in vigore del Decreto Lavoro (5 maggio 2023) è possibile fruire di un nuovo periodo di 12 mesi e senza condizioni indipendentemente dalla sussistenza di un precedente rapporto tra le parti instaurato in data antecedente. 

Se invece le parti abbiano già prorogato o rinnovato il contratto per 6 mesi durante la pendenza del periodo transitorio (dal 5 maggio al 4 luglio 2023) potranno ricorrere al contratto a termine per un ulteriore periodo non superiore a sei mesi senza condizioni.

Nel complesso, resta confermata la previsione di proroghe e rinnovi acausali fino a 12 mesi unitamente alla possibilità di prolungare la durata del contratto oltre il termine dei 12 e entro i 24 mesi, per esigenze sostitutive, fermo restando l’onere del datore di lavoro di indicare nel contratto le ragioni concrete ed effettive della sostituzione. 

Contratto a termine, rinnovi, sostituzioni 

In Primo Piano

Continua a leggere

Stagionali: tipologie e particolarità dei contratti

Avvicinandosi al periodo delle vacanze, le imprese di alcuni settori potrebbero essere interessati, visto l’aumento esponenziale dei carichi di lavoro, ad assumere per il periodo estivo una serie di lavoratori. A fronte di questo interesse, la politica ha apposto uno strumento per governare il fenomeno, ovvero il contratto per lavoro stagionale, ovvero un contratto a tempo determinato sui generis contenuto negli artt. Da 19 a 29 del D.Lgs. 15.6.2015, n. 81.

Assunzione: divieto di intermediazione e di interposizione

Assunzione: divieto di intermediazione e di interposizione. La Cassazione, con la sentenza 23495 del 27 Luglio 2022, decide sul tema della successione dei contratti di somministrazione a tempo determinato. Il carattere di temporaneità, pur nell'assenza di limiti legislativamente previsti, costituisce...

Modifica alla disciplina delle causali nel contratto a tempo determinato

Modifica alla disciplina delle causali nel contratto a tempo determinato. L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la pubblicazione delle  nota n. 1363 del 14 settembre 2021, fornisce, ai propri ispettori, alcune indicazioni operative in merito alla disciplina delle causali nel contratto a tempo determinato.