22 Aprile 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Gestione separata: le aliquote contributive e le novità per il 2016

Con la circolare n. 13 del 29 gennaio 2016, l’Inps fornisce le seguenti aliquote dovute per la contribuzione alla Gestione Separata per l’anno 2016:

Liberi Professionisti Aliquote
Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie 27,72% (27,00 IVS + 0,72 aliquota aggiuntiva)

 

Soggetti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria 24%

 

Collaboratori e figure assimilate Aliquote
Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie 31,72% (31,00 IVS + 0,72 aliquota aggiuntiva)

 

Soggetti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria 24 %

 

Nella circolare in commento, l’Istituto specifica che, per l’anno 2016, il massimale di reddito previsto dall’art. 2, comma 18, della legge 335/95, è pari a € 100.324,00. Per lo stesso anno, il minimale è invece pari a € 15.548,00.

In seguito al superamento del contratto a progetto, avvenuto ad opera del decreto legislativo 81/2015,  è stato istituito – nel flusso Uniemens – il seguente codice Tipo Rapporto”, volto all’individuazione dei contratti di collaborazione coordinata e continuativa stipulati dal 1° luglio 2015:

–      Tipo rapporto: 18

–      Descrizione: “Collaborazioni Coordinate e Continuative – D.Lgs. n. 81/2015 art. 52 (Job Act)

Fonte: Inps

In Primo Piano

Continua a leggere

Riforma IRPEF: diminuiscono gli scaglioni e aumentano le detrazioni  

Il legislatore con il Dlgs. n. 216 del 2023 ha indicato una nuova disciplina per il calcolo delle imposte sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), infatti se prima i scaglioni erano 4:  fino a 15.000 euro, 23%;  oltre 15.000 euro e...

Esonero contributivo per i beneficiari di assegno di inclusione 

L’Inps ha reso note le prime indicazioni in merito all’esonero introdotto dal Dl 48/2023 relativo alle assunzioni a tempo determinato e indeterminato e per la trasformazione dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato di soggetti beneficiari dell’Assegno di inclusione e del Supporto per la formazione e il lavoro

Riconteggio debiti contributivi  

L’INPS, con la circolare 4244 del 2023, ha posticipato all’11 di dicembre l’invio delle domande di riconteggio dei debiti contributivi successiva alla procedura di saldo e stralcio introdotta dal decreto lavoro.