17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Come va il mercato del lavoro in Italia

Come va il mercato del lavoro in Italia. Mercato occupazionale in Italia nei 3 anni dal 2020 al 2023, dati, analisi e dinamiche nel Rapporto delle Comunicazioni obbligatorie pubblicato il 1 giugno dal ministero del Lavoro.

Nel report la fotografia dei rapporti di lavoro subordinato e parasubordinato la  mappatura delle trasformazioni, come le cessazioni o le stabilizzazioni ma anche le tipologie di contratto utilizzate per zona geografica e qualifica professionale. Aumento dei contratti di lavoro nei settori alberghieri e della ristorazione e con apprendistato. Consulta il rapporto sulle pagine del ministero alla sezione “Studi e statistiche

Come va il mercato del lavoro in Italia.

In Primo Piano

Continua a leggere

Flussi 2024: ulteriori quote per lavoro subordinato stagionale 

Il ministero del Lavoro, con la nota n. 231 del 2024, è intervenuto in merito alle conversioni in permessi di soggiorno per lavoro subordinato e autonomo comunicando un’ulteriore assegnazione territoriale di tali quote, al fine di soddisfare tutte le...

Immigrazione, decreto Flussi: ancora possibile aderire a procedure semplificate

Immigrazione, decreto Flussi: ancora possibile aderire a procedure semplificate. Lo ha fatto sapere il ministero del Lavoro. E’ ancora possibile aderire al protocollo d’intesa volto alla semplificazione delle procedure d’ingresso in Italia di cittadini stranieri ed extracomunitari per motivi di lavoro, come...

Firmato il protocollo per 10mila posti di lavoro per poveri

Nel quadro delle nuove misure a sostegno del progetto di inclusione sociale, si colloca il recente accordo concluso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali insieme ad Anpal Serviz con il Consorzio Elis, in data 27 giugno 2023, al fine di includere, tra i beneficiari dei servizi di orientamento, formazione e politica attiva, anche coloro che versano in condizioni di povertà ed emarginazione sociale, tra i quali si annoverano anche i percettori dell’assegno di inclusione.