16 Aprile 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Privacy e trattamento dei dati sensibili nel rapporto di lavoro

Privacy e trattamento dei dati sensibili nel rapporto di lavoro. Il Garante della Privacy ha pubblicato in data 7 febbraio 2019 la newsletter n. 449 nella quale ha dato notizia di aver adottato un provvedimento relativo agli obblighi in materia di privacy che dovranno essere rispettati da un gran numero di soggetti pubblici e privati.

Nella medesima newsletter il Garante della Privacy ha reso noto che il provvedimento è attualmente in fase di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, quindi per conoscerne ufficialmente i contenuti si dovrà aspettare un altro po’.

I dati sensibili ai quali fa riferimento il provvedimento sono quelli relativi alla salute, all’orientamento sessuale, alle opinioni politiche e alle etnie, dati con i quali diversi professionisti entrano ogni giorno in contatto per poter svolgere il loro lavoro.

Visti i recenti cambiamenti che ci sono stati nel mondo della privacy, tale provvedimento si occupa della gestione dei dati sensibili nei rapporti di lavoro dedicando, tra l’altro, particolare attenzione al ruolo dei consulenti del lavoro. Nel provvedimento, inoltre, viene affrontato il tema del trattamento dei dati sensibili da parte degli organismi di tipo associativo, delle fondazioni, delle chiese e associazioni o comunità religiose, nonché da parte degli investigatori privati; nel medesimo provvedimento viene affrontato anche il tema del trattamento dei dati genetici effettuato per scopi di ricerca scientifica.

Si ricorda, per maggiore completezza, che la normativa nazionale in materia di privacy è stata di recente adeguata al Regolamento UE con il decreto legislativo n. 101 del 2018.

Leggi anche qui

Privacy e trattamento dei dati sensibili nel rapporto di lavoro.

In Primo Piano

Continua a leggere

Privacy, non dare accesso ai dati personali è un comportamento scorretto

Autorità Garante Dati Personali accerta illiceità del trattamento dei dati di un dipendente da parte di un'azienda di servizi di pubblica utilità e eroga sanzione con multa di 10mila euro. Si ha diritto ad avere accesso ai propri dati personali...

Controllo lavoratori, sanzioni per chi non rispetta il diritto alla privacy

il Garante per la protezione dei dati personali (GPDP) comunica di aver adottato un provvedimento sanzionatorio nei confronti di un’azienda, resasi responsabile di aver violato lo Statuto dei Lavoratori nella parte in cui tutela il diritto alla privacy all’interno dei luoghi di lavoro.

Tecnologia e lavoro, la relazione dell’Autorità Garante per la Privacy

La protezione dei dati personali nel rapporto di lavoro privato e pubblico: è uno dei temi in primo piano nell’attività dall’Autorità Garante per la Protezione dei Dati personali e nella relazione annuale presentata oggi in Parlamento.