17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Paesi UE e Regno Unito: disciplina per i lavoratori distaccati

Paesi UE e Regno Unito: disciplina per i lavoratori distaccati. L’Inps con la circolare n. 71/2021 fornisce indicazioni in merito alla disciplina da applicare nel caso di lavoratori distaccati o nell’ipotesi di esercizio dell’attività lavorativa in più Stati, ciò a seguito della pubblicazione dell’accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione tra l’Unione europea e la Comunità europea dell’energia atomica, da una parte, e con il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord (TCA), dall’altra.

In attesa che il TCA sia esaminato dal Parlamento europeo e del Consiglio le Parti hanno convenuto di applicare l’accordo in via provvisoria dal 1° gennaio fino al 30 aprile 2021.

È prevista la possibilità di derogare alle disposizioni generali per i lavoratori che svolgono l’attività lavorativa in uno Stato diverso da quello in cui ha sede il proprio datore di lavoro o di abituale esercizio dell’attività lavorativa con conseguente possibilità di restare assoggettati alla legislazione dello Stato di invio per un periodo non superiore a 24 mesi.

Nella circolare si esplicitano le situazioni di distacco per cui è applicabile tale disciplina derogatoria.

Fonte: Inps

Paesi UE e Regno Unito: disciplina per i lavoratori distaccati

In Primo Piano

Continua a leggere

INPS: chiarimenti per la gestione dei congedi e post D.L.gs. 105 del 2022

L’istituto di previdenza, con la circolare n. 39 del 2023, pone alcune specifiche inerentemente alle novità introdotte dal D.L.gs. 105 del 2022 rispetto ai permessi e ai congedi per l’assistenza dei soggetti riconosciuti disabili in situazioni di gravità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

Retribuzioni convenzionali lavoratori all’estero

L’INPS, con la circolare n. 33 del 2023, è intervenuto aggiornando le tabelle di riferimento per le retribuzioni convenzionali, utili ai fini del calcolo dei contributi dovuti per il 2023.

Naspi in caso di dimissioni del lavoratore padre

L’INPS, con la circolare n. 32 del 20/03/2023, fornisce le indicazioni in merito all’accesso all’indennità di disoccupazione NASpI in caso di dimissioni volontarie del lavoratore padre che ha fruito del congedo di paternità, nonché fino al compimento di un anno di età del bambino, ai sensi delle modifiche apportate dal D.Lgs. 105/2022.