17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Osservatorio Cassa Integrazioni Guadagni luglio 2020

Osservatorio Cassa Integrazioni Guadagni luglio 2020. Sono stati pubblicati dall’INPS i dati relativi all’Osservatorio sulle ore autorizzate di Cassa Integrazione Guadagni con i dati relativi al mese di luglio 2020.

Nel dettaglio, in tale mensilità sono stati autorizzati 482,7 milioni di ore. Il 99% di queste sono state autorizzate con causale “Emergenza sanitaria Covid-19”

In relazione alle ore autorizzate per emergenza sanitaria, l’istituto precisa che il dettaglio dei dati è stato pubblicato sul Focus Cassa Integrazione guadagni e Fondi di solidarietà – Ore autorizzate per emergenza sanitaria.

L’INPS, sottolineando che l’effetto dei provvedimenti normativi in materia di integrazione salariale durante l’emergenza Covid-19 ha iniziato ad avere un forte impatto in termini di ore autorizzate a partire dal mese di aprile 2020, ha provveduto ad effettuare un riepilogo delle ore autorizzate nel periodo compreso tra il 1° aprile ed il 31 luglio 2020. Il numero delle ore autorizzate per emergenza sanitaria è pari a 2.539,9 milioni, di cui 1.287 milioni relative a CIG ordinaria, 782,1 milioni riguardanti l’assegno ordinario dei fondi di solidarietà e 480,8 milioni la CIG in deroga.

Fonte: INPS

Osservatorio Cassa Integrazioni Guadagni luglio 2020

In Primo Piano

Continua a leggere

Congedi parentali all’80%, cosa c’è da sapere

L’INPS, con il messaggio 1629/2024 torna nuovamente a parlare di congedo parentale all’80%. Nel messaggio vengono forniti chiarimenti in merito alla gestione degli arretrati.

Cassa integrazione giù del 29% 

Netto calo delle richieste di cassa integrazione nel 2023 con la discesa delle domande per la cassa in deroga e per i fondi di solidarietà e in coincidenza con lo stop alla crisi pandemica.  Secondo i dati diffusi oggi dall’Osservatorio...

Fringe benefit e stock option: entro il 21 febbraio la trasmissione dei dati relativi al personale cessato  

L’articolo 40 del Decreto Lavoro (D.L. n. 48/2023) convertito nella legge n. 83/2023, ha elevato, per il solo periodo d’imposta 2023, da 258,23 euro a 3.000 euro il limite di esenzione previsto per i beni ceduti e i servizi...