20 Aprile 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Ok al termine per relationem del contratto a tempo determinato

Ok al termine per relationem del contratto a tempo determinato. La caratteristica del contratto a tempo a determinato, è quella di sciogliersi automaticamente senza esplicita volontà delle parti al sopraggiungere del termine prefissato.

Secondo la Corte di Cassazione, sezione lavoro, il termine predetto non deve necessariamente essere prefissato in quanto è ben possibile che le parti decidano di ancorarlo genericamente al venir meno dell’esigenza temporanea di lavoro.

Oltre a questo i giudici hanno chiarito che è da ritenersi legittima, l’indicazione di un termine prefissato come anche il termine mobile relativo al venir meno dell’esigenza lavorativa. Tale scelta, infatti, non rappresenta un causa di illegittimità né tanto meno una volontà da parte del datore di lavoro di eludere i vincoli imposti relativi alla stipula del contratto.

Volendo associare, quanto detto, ad una situazione specifica vi fu una proroga di contratti a tempo determinato per mancanza di organico in una struttura ospedaliera territoriale, che si sarebbe risolta una volta che fosse stato immesso in servizio personale a tempo determinato successivamente ad esito di procedure selettive.

Per il legislatore, la decisione del datore di lavoro, è da ritenersi corretta precisando che gli incarichi sarebbero potuti cessare prima della scadenza stabilita.

Ok al termine per relationem del contratto a tempo determinato

In Primo Piano

Continua a leggere

La Cassazione decide sui casi di licenziamento

Decisa la reintegra di un dipendente licenziato uscito in permesso dal posto di lavoro e sorpreso al mercato con l'auto aziendale. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 34107 - 2023. Questione di fatto Operaio forestale addetto agli...

Contrattazione collettiva: in caso di contrasto tra più livelli occorre fare ricorso alla volontà delle parti

La Corte di Cassazione ha previsto che in caso di contrasto tra i diversi ambiti territoriali della contrattazione collettiva andrebbe valutata l’effettiva volontà delle parti sociali.

Cassazione: illegittimo il licenziamento se il fatto non è illecito 

La Cassazione con la sentenza n. 30469 del 2023 ha trattato un caso relativo all’irrogazione di un licenziamento connesso ad fatto non rilevante sul piano disciplinare.