17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Nuovi codici Uniemens: congedo di paternità obbligatorio e congedo parentale

Nuovi codici Uniemens: congedo di paternità obbligatorio e congedo parentale. L’INPS, con il messaggio n. 659 del 13 febbraio 2023, rende note le indicazioni utili per i datori di lavoro in merito all’esposizione nelle denunce contributive UniEmens dei nuovi codici evento e dei relativi codici conguaglio, riferiti ai congedi parentali e di paternità, la cui disciplina è stata recentemente novellata dal D.lgs n. 105/2022, secondo quanto precisato nell’ambito della circolare n. 122/2022, validi per i suddetti eventi verificatisi a decorrere dal 13 agosto 2022. 

Come specificato dall’Istituto Previdenziale, l’applicazione dei nuovi codici è obbligatoria a partire dal mese di competenza aprile 2023.

Con riferimento agli eventi già denunciati con i codici evento e i codici conguaglio già in uso e ricadenti nei periodi di competenza 13 agosto 2022 – 31 marzo 2023, l’INPS definirà con successiva comunicazione le modalità di trasmissione dei dati tra i datori di lavoro e l’Istituto stesso per la raccolta delle informazioni necessarie a consentirne il relativo monitoraggio. 

Nuovi codici Uniemens: congedo di paternità obbligatorio e congedo parentale.

In Primo Piano

Continua a leggere

Congedi parentali all’80%, cosa c’è da sapere

L’INPS, con il messaggio 1629/2024 torna nuovamente a parlare di congedo parentale all’80%. Nel messaggio vengono forniti chiarimenti in merito alla gestione degli arretrati.

Genitori e figli piccoli. Le misure in materia di congedo parentale

Sostegni rafforzati alle maternità e paternità per i genitori che fruiscono alternativamente del congedo parentale al termine del periodo di astensione obbligatoria tra le novità previste dalle Legge di Bilancio 2024 (L. 213 del 30 dicembre 2023). Il legislatore ha...

Fringe benefit e stock option: entro il 21 febbraio la trasmissione dei dati relativi al personale cessato  

L’articolo 40 del Decreto Lavoro (D.L. n. 48/2023) convertito nella legge n. 83/2023, ha elevato, per il solo periodo d’imposta 2023, da 258,23 euro a 3.000 euro il limite di esenzione previsto per i beni ceduti e i servizi...