16 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

NASPI e licenziamenti per giustificato motivo oggettivo

NASPI e licenziamenti per giustificato motivo oggettivo. L’INPS ha pubblicato il messaggio n. 2261 del 1° giugno 2020 con cui chiarisce la possibilità, da parte dell’istituto, di erogare la NASPI a favore di quei soggetti che siano stati licenziati per giustificato motivo oggettivo, nonostante il divieto di procedere agli stessi, introdotto dal Decreto Cura Italia e ulteriormente integrato dal DL Rilancio.

Al riguardo, l’ufficio legislativo del Ministero del Lavoro, sottolineando che l’indennità di disoccupazione NASPI è riconosciuta in favore di lavoratori che hanno perso involontariamente la propria occupazione, ha chiarito che il carattere nullo del licenziamento non inficia sulla possibilità di erogazione della NASPI.

Di conseguenza, qualora sussistano tutti i presupposti legislativi, è possibile procedere con l’accoglimento della domanda di disoccupazione presentata da quei lavoratori che siano stati licenziati per giustificato motivo oggettivo, intimato che in data successiva al 17 marzo.

Nel messaggio, l’INPS sottolinea che, l’erogazione viene effettuata con riserva di ripetizione di quanto corrisposto, nel caso in cui il lavoratore medesimo, a seguito di contenzioso giudiziale o stragiudiziale, debba essere reintegrato nel posto di lavoro.

In quest’ultima ipotesi il lavoratore è tenuto attraverso il modello NASpI-Com, l’esito del contenzioso ai fini della restituzione di quanto ricevuto.

Fonte: INPS

NASPI e licenziamenti per giustificato motivo oggettivo

In Primo Piano

Continua a leggere

Prestazioni sociali: aggiornati gli Assegni per il Nucleo Familiare 

Aggiornati gli importi degli assegni secondo le variazioni Istat. Lo ha reso noto L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS). La variazione, prevista per legge annualmente, è stata calcolata dall’ISTAT tra il 2023 e il 2022 pari al +5,4%. I livelli...

Consulta: profili di illegittimità per obbligo restituzione Naspi

Dipende dai casi. Con sentenza n. 90/2024 la Corte Costituzionale è intervenuta in materia di ammortizzatori sociali. La Corte ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell'obbligo di restituire l’intera anticipazione della NAspi a favore del beneficiario, nel caso quest’ultimo abbia stipulato un...

La NASpi viene meno in caso di pensione

L'Indennità di disoccupazione mensile ASpi - NASpI e la pensione non sono compatibili. Ma quando decade di preciso il diritto all'aiuto economico? Con ordinanza n. 11965/2024 la Corte di Cassazione è intervenuta sul tema della compatibilità e di interpretazione delle norme. Al...