20 Febbraio 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

Inps: cessione del quinto. Aggiornamento tassi per il secondo trimestre 2018

Con il messaggio 1628 del 13 aprile 2018, l’Inps informa che con il Decreto 28 marzo 2018, il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro – ha indicato i tassi effettivi globali medi (TEGM) praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari, determinati ai sensi dell’articolo 2, comma 1, della legge n. 108/1996, recante disposizioni in materia di usura, come modificata dal decreto-legge n. 70/2011, convertito con modificazioni dalla legge n. 106/2011, rilevati dalla Banca d’Italia ed in vigore per il periodo dal 1° aprile 2018 al 30 giugno 2018.

Per quanto sopra, per i prestiti da estinguersi dietro cessione del quinto dello stipendio e della pensione, il valore dei tassi da applicarsi nel suddetto periodo (1° aprile 2018 – 30 giugno 2018) sono i seguenti:

  • importo fino a 15.000 euro: 11,75% come tasso medio, 18,6875 come tasso soglia usura;
  • importo oltre i 15.000 euro: 8,83% come tasso medio, 15,0375 come tasso soglia usura.

Ne consegue che i tassi soglia TAEG da utilizzare per i prestiti estinguibili con cessione del quinto della pensione concessi da intermediari finanziari in regime di convenzionamento ai pensionati variano come segue:

  • fino a 59 anni: 8,70% per importi fino a 15.000 euro e 7,30% per importi oltre 15.000 euro;
  • da 60 a 64 anni: 9,50% per importi fino a 15.000 euro e 8,10% per importi oltre 15.000 euro;
  • da 65 a 69 anni: 10,30% per importi fino a 15.000 euro e 8,90% per importi oltre 15.000 euro;
  • da 70 a 74 anni: 11% per importi fino a 15.000 euro e 9,60% per importi oltre 15.000 euro;
  • da 75 a 79 anni: 11,80% per importi fino a 15.000 euro e 10,40% per importi oltre 15.000 euro.

Fonte: Inps

 

 

In Primo Piano

Continua a leggere

Esonero contributivo per i beneficiari di assegno di inclusione 

L’Inps ha reso note le prime indicazioni in merito all’esonero introdotto dal Dl 48/2023 relativo alle assunzioni a tempo determinato e indeterminato e per la trasformazione dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato di soggetti beneficiari dell’Assegno di inclusione e del Supporto per la formazione e il lavoro

Riconteggio debiti contributivi  

L’INPS, con la circolare 4244 del 2023, ha posticipato all’11 di dicembre l’invio delle domande di riconteggio dei debiti contributivi successiva alla procedura di saldo e stralcio introdotta dal decreto lavoro.

Più semplice l’iter di riconoscimento delle prestazioni di invalidità

L’Inps, con il messaggio n. 4193 del 24/11/2023, rende noto il rilascio della prima versione del Portale della Disabilità.