21 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

INL: distacco transnazionale di lavoratori – chiarimenti

INL: distacco transnazionale di lavoratori – chiarimenti. L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), con la nota prot. N. 5398 del 10 giugno 2019, interviene sulla legittimità della sanzione per distacco illegittimo comminata all’impresa estera distaccante e alla sua rappresente italiana per un distacco ritenuto illecito.

L’INL, nella nota in commento, chiarisce a quali condizioni sarà possibile sanzionare entrambe le condotte.

Si ricorda infatti che, il d. lgs. n. 136/2016 all’articolo 3 comma 5, prevede “nelle ipotesi in cui il distacco non risulti autentico, il distaccante e il soggetto che ha utilizzato la prestazione dei lavoratori distaccati sono puniti con la sanzione amministrativa pecuniaria di 50 euro per ogni lavoratore occupato e per ogni giornata di occupazione”.

Dal dato normativo si evince quindi che, il legislatore, sanziona non solo la condotta del distaccante, ma anche quella del soggetto che utilizza la prestazione lavorativa del prestatore di lavoro distaccato illegittimamente.

Emerge, quindi, il problema della legittimità dell’irrogazione della sanzione nel caso in cui distaccante e distaccatario siano in realtà un unico soggetto giuridico. Infatti, se il distaccatario non “costituisce un distinto centro di responsabilità”, ma un mero ufficio di rappresentanza senza funzioni operative, rispetto al distaccante, non si ravvisano le condizioni per individuare due distinti soggetti giuridici.

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) interviene affermando che “la sede secondaria di una compagine aziendale può configurarsi come distinto soggetto giuridico qualora risulti iscritto nel registro delle imprese e identificato in Italia tramite un proprio rappresentante legale”. Quindi, solo nel caso in cui la Società distaccataria sia in possesso delle condizioni sopra esposte potrà caratterizzarsi come soggetto autonomo e quindi passibile di sanzione da parte dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro in caso di distacco transnazionale illegittimo.

Nell’ipotesi in cui, al contrario, non sia configurabile la presenza di due soggetti giuridici autonomi non è possibile l’irrogazione della doppia sanzione prevista dalla normativa.

infatti, in base al principio del ne bis in idem, non è possibile sanzionare due volte il medesimo soggetto per il compimento dello stesso illecito.

INL: distacco transnazionale di lavoratori – chiarimenti.

In Primo Piano

Continua a leggere

Firmato il protocollo per 10mila posti di lavoro per poveri

Nel quadro delle nuove misure a sostegno del progetto di inclusione sociale, si colloca il recente accordo concluso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali insieme ad Anpal Serviz con il Consorzio Elis, in data 27 giugno 2023, al fine di includere, tra i beneficiari dei servizi di orientamento, formazione e politica attiva, anche coloro che versano in condizioni di povertà ed emarginazione sociale, tra i quali si annoverano anche i percettori dell’assegno di inclusione.

Aumentano in centro Italia i contratti di lavoro

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in data 9 giugno 2023, ha pubblicato la Nota trimestrale relativa al I trimestre 2023, tratta dal Sistema Informativo Statistico delle Comunicazioni Obbligatorie del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Come va il mercato del lavoro in Italia

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha reso nota la pubblicazione, in data 1/03/2023, del Rapporto annuale sulle Comunicazioni Obbligatorie 2023, curato dalla Direzione generale delle Politiche attive del lavoro e dal Segretariato generale-Ufficio di Statistica del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.