23 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Indennità lavoratori domestici: invio richieste di riesame

Indennità lavoratori domestici: invio richieste di riesame. Con messaggio n. 2715 del 7 luglio 2020, l’INPS, informa del rilascio della procedura internet per l’invio delle richieste di riesame per l’indennità per i lavoratori domestici.

L’istituto chiarisce che il servizio è accessibile nella homepage del sito www.inps.it, dove l’utente viene indirizzato alla pagina di autenticazione ai servizi INPS.

Al Fine di poter effettuare la domanda di riesame, il soggetto interessato dovrà essere in possesso di una delle seguenti credenziali:

  • PIN ordinario o dispositivo rilasciato dall’INPS;
  • SPID di livello 2 o superiore;
  • Carta di identità elettronica 3.0 (CIE);
  • Carta nazionale dei servizi (CNS).

La sezione web dedicata è denominata “Richiesta di riesame”. Al suo interno il potenziale beneficiario ha la possibilità di visionare la domanda presentata, ed il provvedimento di rigetto. Nella stessa sezione sarà possibile inoltrare la richiesta di riesame inserendone motivazione ed eventuali documenti in allegato per un massimo di 3 MB.

Dopo aver presentato domanda di riesame, quest’ultima viene protocollata. Le informazioni sullo stato di lavorazione saranno rese disponibili all’interno della medesima sezione.

Modalità alternative di presentazione della domanda sono rappresentate dalla possibilità di contattare telefonicamente il Contact Center Multicanale. In questo caso l’utente dovrà essere munito di PIN ovvero, per i possessori di SPID, CIE o CNS, di PIN Telefonico generato mediante l’apposita funzione disponibile nella sezione personale MyINPS del portale istituzionale.

Fonte: INPS

Leggi anche: Domanda indennità Covid-19 lavoratori domestici

Indennità lavoratori domestici: invio richieste di riesame

In Primo Piano

Continua a leggere

Congedi parentali all’80%, cosa c’è da sapere

L’INPS, con il messaggio 1629/2024 torna nuovamente a parlare di congedo parentale all’80%. Nel messaggio vengono forniti chiarimenti in merito alla gestione degli arretrati.

Fringe benefit e stock option: entro il 21 febbraio la trasmissione dei dati relativi al personale cessato  

L’articolo 40 del Decreto Lavoro (D.L. n. 48/2023) convertito nella legge n. 83/2023, ha elevato, per il solo periodo d’imposta 2023, da 258,23 euro a 3.000 euro il limite di esenzione previsto per i beni ceduti e i servizi...

Congedo straordinario: computo delle mensilità aggiuntive   

A seguito delle richieste di chiarimenti pervenute all’Inps, con il messaggio n. 30 del 4 gennaio 2024, l’Istituto comunica le modalità di computo del rateo della tredicesima e della quattordicesima mensilità ai fini del calcolo dell’indennità per il congedo...