17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Indennità Covid-19: gestione domande respinte

Indennità Covid-19: gestione domande respinte. L’INPS comunica con messaggio n. 2263 del 1° giugno la conclusione della prima fase di gestione delle domande di indennità Covid-19. A tal riguardo sono state pubblicate le motivazioni delle istanze rigettate. Coloro i quali hanno ottenuto l’accoglimento, hanno ricevuto un avviso di accoglimento della domanda e del pagamento della prestazione mediante SMS.

L’Istituto comunica che gli esiti delle domande, accolte o respinte, possono essere consultabili accedendo all’area dedicata del servizio “indennità 600 euro” alla voce “Esiti”. Questa operazione può essere effettuata sia da parte di soggetti autorizzati quali Patronati, sia da parte del singolo cittadino dotato di PIN.

Qualora un soggetto interessato abbia ottenuto un rigetto della propria domanda, sarà possibile proporre un’istanza di riesame entro 20 giorni dalla pubblicazione del messaggio o a partire dal momento della reiezione della stessa, se successiva.

In tal senso occorrerà allegare un supplemento di documentazione all’interno della sezione “Esiti” o tramite la casella di posta istituzionale dedicata: riesamebonus600.nomesede@inps.it, istituita per ogni struttura territoriale INPS.

In relazione alla recente entrata in vigore del Decreto Rilancio, inoltre, si puntualizza che sono stati effettuati alcuni riesami d’ufficio, per alcune categorie di lavoratori particolari. Ci si riferisce, ad esempio, a quelli stagionali del settore turismo, per i quali è stato necessario rimodulare le modalità di controllo automatico.

Non da ultimo, vengono effettuate precisazioni circa il riesame delle domande con riferimento ai titolari di assegno ordinario di invalidità. Secondo quanto stabilito dal Decreto rilancio, questi ultimi sono cumulabili con l’indennità Covid-19.

Fonte: INPS

Indennità Covid-19: gestione domande respinte

In Primo Piano

Continua a leggere

Fringe benefit e stock option: entro il 21 febbraio la trasmissione dei dati relativi al personale cessato  

L’articolo 40 del Decreto Lavoro (D.L. n. 48/2023) convertito nella legge n. 83/2023, ha elevato, per il solo periodo d’imposta 2023, da 258,23 euro a 3.000 euro il limite di esenzione previsto per i beni ceduti e i servizi...

Congedo straordinario: computo delle mensilità aggiuntive   

A seguito delle richieste di chiarimenti pervenute all’Inps, con il messaggio n. 30 del 4 gennaio 2024, l’Istituto comunica le modalità di computo del rateo della tredicesima e della quattordicesima mensilità ai fini del calcolo dell’indennità per il congedo...

Sgravio contributivo per contratti di solidarietà 

L’Inps rende note le imprese ammesse alla fruizione dello sgravio contributivo per i contratti di solidarietà