17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Il nuovo rapporto a tempo determinato dopo il Jobs Act

Le novità del contratto a tempo determinato

Il contratto a tempo determinato esce notevolmente rinnovato dal decreto, in quanto diventa ontologicamente “a causale”; vengono eliminate le ragioni per la sottoscrizione del contratto a termine. Quindi il contratto a termine potrà essere sottoscritto non più a fronte di ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo, ma sarà sempre acausale; viene inoltre stabilita, anche qui in via generalizzata, una durata massima del contratto di 36 mesi. Come ovvio, la disciplina di cui al comma 1 bis, che regolava la vecchia acausalità, viene abrogata.

Il limite di utilizzo del contratto a termine

Viene introdotta, però, una limitazione al numero di dipendenti con contratto a termine, che non potranno superare il 20% dell’organico complessivo, con la possibilità di sottoscrivere sempre un contratto per i datori di lavoro con meno di 5 dipendenti.
Oltre la salvaguardia per i datori di lavoro più piccoli, il nuovo limite non si applica nelle ipotesi previste dal comma 7 dell’art. 10 del Dlgs 368/2001, e quindi:

  • nelle ipotesi previste dai contratti collettivi nazionali di lavoro;
  • nella fase di avvio di nuove attività per i periodi definiti dai contratti collettivi nazionali di lavoro anche in misura non uniforme con riferimento ad aree geografiche e/o comparti merceologici;
  • per ragioni di carattere sostitutivo, o di stagionalita’, ivi comprese le attivita’ gia’ previste nell’elenco allegato al decreto del Presidente della Repubblica 7 ottobre 1963, n. 1525, e successive modificazioni;
  • per specifici spettacoli ovvero specifici programmi radiofonici o televisivi;
    con lavoratori di eta’ superiore a 55 anni.

Questa deroga fa salve, quindi, anche i contratti sottoscritti per sostituzione di lavoratori assenti, e quelli stagionali, che quindi potranno essere sottoscritti senza alcun limite.

La disciplina delle proroghe

Anche la disciplina dell’art. 4 del DLgs 368/2001 viene notevolmente variata, due le novità:

  • le proroghe possibili diventano otto, non più solo una;
  • la motivazione che porta alla proroga non deve essere più supportata dalle ragioni oggettive, è sufficiente che l’attività sia la stessa per il quale era stato sottoscritto a termine il contratto.

Ovviamente la durata complessiva del contratto, comprensivo di proroghe, non potrà superare la durata di massima di 36 mesi.

In chiusura possiamo affermare che il testo del decreto conferma le indiscrezioni che erano trapelate all’indomani dell’approvazione del Decreto. Ovviamente, pur essendo in vigore, il testo dovrà essere convertito dal Parlamento, che potrà portare modificazioni e integrazioni, ma salvo queste possiamo dire di essere di fronte a un cambio culturale molto importante, soprattutto perché supera concetti che da oltre un decennio sono il pane quotidiano degli operatori del settore.

Clicca qui per il testo del DL 34/2014

In Primo Piano

Continua a leggere

Osservatorio sul precariato: i dati di gennaio 2023

L’INPS, in data 20 aprile 2023, ha reso nota la pubblicazione dell’Osservatorio sul precariato con i dati relativi al mese di gennaio 2023.

Istat: occupati e disoccupati gennaio 2023

L’ISTAT, con un comunicato stampa pubblicato in data 2 marzo 2023, ha reso noti i dati relativi all’occupazione in Italia nel mese di gennaio 2023. Secondo quanto diffuso dall'Istat a gennaio 2023, rispetto al mese precedente, sono aumentati gli occupati e i disoccupati, mentre sono diminuiti gli inattivi.

Inps: pubblicati i dati di novembre 2022 dell’osservatorio sul precariato

L’INPS, in data 16 febbraio 2023, ha pubblicato i dati di novembre 2022 dell’Osservatorio sul precariato. Secondo i dati forniti dall’Istituto, le assunzioni attivate dai datori di lavoro privati, extra agricoli, fino a novembre 2022 sono state 7.561.933, con un aumento del 13% rispetto allo stesso periodo del 2021 e una crescita di tutte le tipologie contrattuali. Nello specifico, la crescita ha coinvolto tutte le tipologie contrattuali, ma il numero più alto di attivazioni si registra per i contratti a tempo indeterminato con 1.302.076 assunzioni (+21%).