26 Febbraio 2024

Notizie dal Mondo del lavoro, previdenza e fisco

Gestione separata: aliquote contributive, aliquote di computo, massimale e minimale per l’anno 2014

L’Inps, nella circolare n. 18 del 4 febbraio 2014, illustra per la gestione separata le aliquote contributive, le aliquote di computo, il massimale e minimale per l’anno 2014.
Come noto, la Legge di stabilità 2014 ha disposto che per i soggetti iscritti alla gestione separata, già assicurati presso altre forme previdenziali obbligatorie o titolari di pensione, l’aliquota contributiva e di computo per l’anno 2014 sia elevata al 22 per cento, mentre, per i lavoratori autonomi, titolari di posizione fiscale ai fini dell’imposta sul valore aggiunto (liberi professionisti), iscritti in via esclusiva alla gestione separata, per l’anno 2014, l’aliquota contributiva rimane fissata al 27 per cento.

Per tutti gli altri soggetti iscritti in via esclusiva alla gestione separata, invece, restano confermate le disposizioni vigenti che hanno previsto che l’aliquota contributiva e di computo venga elevata al 28 per cento. Rientrano in questa tipologia tutti gli iscritti alla gestione separata diversi dai liberi professionisti e per i quali l’obbligo contributivo è in capo ad un soggetto terzo (associati in partecipazione, venditori porta a porta, borsisti, etc.).

Rimane confermata per gli iscritti che non siano pensionati o che non risultino già assicurati ad altra forma previdenziale obbligatoria l’ulteriore aliquota contributiva pari allo 0,72%, istituita per il finanziamento dell’onere derivante dall’estensione agli stessi della tutela relativa alla maternità, agli assegni per il nucleo familiare, alla degenza ospedaliera, alla malattia ed al congedo parentale.

Le predette aliquote del 27,72, del 28,72 e del 22,00 per cento, sono applicabili, facendo riferimento ai redditi conseguiti dagli iscritti alla Gestione separata fino al raggiungimento del massimale di reddito previsto dall’articolo 2, comma 18, della legge n. 335/1995, che per l’anno 2014 è pari a euro 100.123,00.

Infine, per quanto riguarda l’accredito dei contributi, basato sul minimale di reddito di cui all’articolo 1, comma 3, della legge n. 233/1990, l’istituto comunica che per l’anno 2014 tale minimale è pari ad euro 15.516,00.

In Primo Piano

Continua a leggere

ISCRO – messaggio Inps n. 1569 del 7 aprile 2022

ISCRO – messaggio Inps n. 1569 del 7 aprile 2022. L’INPS, con il messaggio n. 1569 del 7 aprile 2022, ha comunicato che dal 1° maggio 2022, per i lavoratori iscritti alla Gestione separata che esercitano per professione abituale attività di lavoro autonomo, sarà possibile presentare la domanda dell’ indennità straordinaria di continuità reddituale e operativa (ISCRO)  per l’anno 2022.

INPS: Gestione separata – aliquote contributive per l’anno 2022

INPS: Gestione separata – aliquote contributive per l’anno 2022. L’Inps ha pubblicato con circolare n. 25 del 11 febbraio 2022 con la quale comunica le aliquote, il valore minimale e massimale del reddito erogato per il calcolo dei contributi dovuto da tutti i soggetti iscritti alla Gestione Separata, di cui all’articolo 2, comma 26, della legge n. 335/1995.

INPGI: gestione separata – retribuzioni e contributi 2022

INPGI: gestione separata – retribuzioni e contributi 2022. L’INPGI nella giornata del 3 febbraio 2022 ha provveduto a pubblicare due circolari con le quali comunica le retribuzioni ed i contributi per l’anno 2022, nel dettaglio: