16 Aprile 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Disegno Legge salario minimo: 9 euro lordi all’ora

Disegno Legge salario minimo: 9 euro lordi all’ora

Il salario minimo rappresenta un tema di forte interesse per l’attuale Governo italiano. Sul tema il Ddl 658 contiene l’istituzione di un salario minimo fissato in 9 euro lordi orari.

Nello specifico il Disegno di Legge 658 in oggetto stabilisce quanto segue:

“Si considera retribuzione complessiva proporzionata e sufficiente ai sensi dell’articolo 1 il trattamento economico complessivo, proporzionato alla quantità e qualità del lavoro prestato, non inferiore a quello previsto dal contratto collettivo nazionale in vigore per il settore e per la zona nella quale si eseguono le prestazioni di lavoro, stipulato dalle associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro più rappresentative sul piano nazionale ai sensi dell’articolo 4 della legge 30 dicembre 1986, n.936, il cui ambito di applicazione sia maggiormente connesso e obiettivamente vicino in senso qualitativo, anche considerato nel suo complesso, all’attività svolta dai lavoratori anche in maniera prevalente e comunque non inferiore a 9 euro all’ora al lordo degli oneri contributivi e previdenziali”.

In sostanza, il Disegno di Legge di cui si discute prevede che il salario minimo dovrà essere valutato in primis rispetto al contratto collettivo applicato. In ogni caso, il salario minimo dovrà essere identificato facendo riferimento al CCNL di settore stipulato dai sindacati “più rappresentativi sul piano nazionale, il cui ambito di applicazione sia maggiormente connesso e obiettivamente vicino in senso qualitativo, anche considerato nel suo complesso”. Tuttavia, al di là della valutazione dei limiti minimi di retribuzione fissati dalla contrattazione collettiva, il Disegno di Legge fissa un salario mimino di 9 euro lordi all’ora al di sotto del quale non si potrà comunque scendere.

Disegno Legge salario minimo: disposizione transitoria

Il Disegno di Legge 658 prevedere, infine, una disposizione transitoria che di seguito si riporta:

“Ai fini dell’applicazione della presente legge sono fatti salvi i contratti collettivi nazionali e territoriali stipulati dalle associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale vigenti, fino alla loro scadenza”.

Fonte: Senato della Repubblica italiana

In Primo Piano

Continua a leggere

Aumenti salariali per le imprese e le aziende metalmeccaniche

Aumenti salariali per le imprese e le aziende metalmeccaniche. Aumenta lo stipendio dei dipendenti nel settore delle imprese metalmeccaniche.

Una festa in busta paga

Il 1° maggio in Italia, come in altre parti del mondo è valutata come una festività. Infatti in tale data si ricordano le prime manifestazioni non pacifiche negli States, e più precisamente a Chicago, iniziate il 1° maggio del 1886.

Unione europea: direttiva sulla trasparenza salariale

Il parlamento europeo ha approvato il 30 marzo 2023 la direttiva sulla trasparenza retributiva al fine di superare il divario retributivo tra uomini e donne (gender pay gap) per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore, e il divieto di discriminazione fondata sul sesso tramite la trasparenza retributiva e il rafforzamento dei meccanismi di applicazione.