17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

CIGD per le province autonome di Trento e Bolzano

CIGD per le province autonome di Trento e Bolzano. L’INPS ha pubblicato la circolare n. 61 del 2020 con cui rende note le istruzioni relative alla corretta gestione della procedura di concessione del trattamento di cassa integrazione in deroga per le province autonome di Trento e Bolzano.

Il trattamento in questione è rivolto ai lavoratori dipendenti di unità produttive site nelle province autonome di Trento e Bolzano che hanno sospeso o ridotto l’attività lavorativa a causa dell’emergenza Coronavirus.

Sono i rispettivi Fondi di solidarietà ad autorizzare le prestazioni ed è, proprio al Fondo, che deve essere inviata la domanda di cassa integrazione, da parte di datori di lavoro che non posso accedere ad altre tutele previste dalle vigenti norme in materia di sospensione o riduzione di orario di lavoro.

La domanda può essere inviata, in via telematica all’Istituto, al massimo entro la fine del quarto mese successivo a quello in cui ha avuto inizio la sospensione o la riduzione dell’attività lavorativa, per una durata massima di nove settimane.

Fonte: INPS

CIGD per le province autonome di Trento e Bolzano

In Primo Piano

Continua a leggere

INPS: chiarimenti per la gestione dei congedi e post D.L.gs. 105 del 2022

L’istituto di previdenza, con la circolare n. 39 del 2023, pone alcune specifiche inerentemente alle novità introdotte dal D.L.gs. 105 del 2022 rispetto ai permessi e ai congedi per l’assistenza dei soggetti riconosciuti disabili in situazioni di gravità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

Retribuzioni convenzionali lavoratori all’estero

L’INPS, con la circolare n. 33 del 2023, è intervenuto aggiornando le tabelle di riferimento per le retribuzioni convenzionali, utili ai fini del calcolo dei contributi dovuti per il 2023.

Naspi in caso di dimissioni del lavoratore padre

L’INPS, con la circolare n. 32 del 20/03/2023, fornisce le indicazioni in merito all’accesso all’indennità di disoccupazione NASpI in caso di dimissioni volontarie del lavoratore padre che ha fruito del congedo di paternità, nonché fino al compimento di un anno di età del bambino, ai sensi delle modifiche apportate dal D.Lgs. 105/2022.