17 Luglio 2024

Notizie dal mondo del lavoro, previdenza e fisco

Cassazione: licenziato il lavoratore che usa i permessi legge 104 per fini personali

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 5574 del 22 marzo 2016, ha ribadito che è legittimo il licenziamento del lavoratore che utilizza la maggior parte dei permessi concessi dalla Legge n. 104/92, per l’assistenza a familiari disabili, per scopi personali.

Nel caso di specie il lavoratore ha utilizzato solo poche ore, a fronte dei tre giorni di permesso mensili, per assistere il familiare disabile, sbrigando faccende personali nel restante tempo a disposizione.

La Corte ha quindi considerato legittimo il licenziamento per giusta causa del lavoratore in quanto lo stesso dimostrando un “sostanziale disinteresse per le esigenze aziendali” ha commesso una “grave violazione dei principi di buona fede e correttezza nell’esecuzione del contratto di lavoro […]”.

Fonte: Corte di Cassazione

In Primo Piano

Continua a leggere

Diritto alla Naspi può venire meno

Diritto alla Naspi può venire meno. Lo ha deciso la Corte di Cassazione. La percezione della Naspi decade se non vengono resi noti gli altri eventuali rapporti autonomi in essere.  La Corte di Cassazione con l’ordinanza 846 del 9 gennaio scorso...

La Cassazione decide sui casi di licenziamento

Decisa la reintegra di un dipendente licenziato uscito in permesso dal posto di lavoro e sorpreso al mercato con l'auto aziendale. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 34107 - 2023. Questione di fatto Operaio forestale addetto agli...

Contrattazione collettiva: in caso di contrasto tra più livelli occorre fare ricorso alla volontà delle parti

La Corte di Cassazione ha previsto che in caso di contrasto tra i diversi ambiti territoriali della contrattazione collettiva andrebbe valutata l’effettiva volontà delle parti sociali.